Il ‘dissing’ social tra Maurizio Gasparri e Fedez

23/04/2020 di Enzo Boldi

Come era già accaduto in passato, oggi è stato dato il via (almeno via social) all’ennesimo dissing tra Maurizio Gasparri e Fedez. Il senatore di Forza Italia ha annunciato la «ripresa di azioni legali» nei confronti del rapper milanese, senza spiegare quale sia la dichiarazione che abbia provocato questa reazione. La reazione non si è fatta attendere sia su Twitter che su Instagram, con un riflesso che sembra avere origini molto lontane. Perché Gasparri querela Fedez è solo l’ultimi capitolo di una lunga storia iniziata nel 2014.

LEGGI ANCHE > La rabbia di Fedez contro il Codacons che aveva diffidato GoFoundMe sulle donazioni per il coronavirus

La fiamma è stata riaccesa oggi, quando Maurizio Gasparri ha deciso di utilizzare Twitter per annunciare di essere a lavoro per portare avanti azioni legali nei confronti del rapper.

Avendolo taggato, la risposta di Fedez è stata praticamente immediata attraverso su tweet.

Parole a cui lo stesso Gasparri ha replicato con un laconico: «Più aggiungi e più ti costa».

Gasparri querela Fedez, il dissing via social

In molti hanno ricordato come i rapporti tra i due fossero già tesi da diversi anni, quando il rapper milanese criticò aspramente il senatore per aver irriso una ragazza in sovrappeso. E su Instagram, dopo la notizia di Gasparri querela Fedez, prosegue il suo sfogo. «No so perché Gasparri voglia farmi causa. E soprattutto, chi è la persona così megalomane da annunciare una causa via tweet? Cioè, falla e basta e no, che cazz* lo dici a fare? Riprenditi dai. Forse non vuoi che io ricordi alla nazione che quando eri vicepresidente del Senato hai dato della ciccione obesa a una bambina minorenne pubblicamente? Forse è questo? Ma forse è il caso di ricordarcelo, perché ai tempi non ti fu fatto niente. Forse sarebbe il caso, oggi come oggi, che tematiche sensibili come queste sono più all’ordine del giorno, che qualcuno prenda dei provvedimenti rispetto a quello che hai fatto. Uno ride per non piangere. In una situazione in cui c’è un paese al collasso, questo trova il tempo di annunciare via Twitter di farmi caso. Ma svegliati Gasparri».

(foto di copertina: da Non è L’Arena, La7 + Instagram)

Share this article