Enrico Rossi torna a casa: «Dopo le elezioni chiederò l’iscrizione al PD»

di Gaia Mellone | 19/05/2019

Enrico Rossi torna a casa: «Dopo le elezioni chiederò l'iscrizione al PD»
  • Enrico Rossi aveva lasciato il Pd due anni fa per formare il Movimento dei Democratici e Progressisti

  • Ora il governatore della Toscana ritiene conclusa l'esperienza di Articolo Uno

  • L'annuncio prima delle elezioni europee «perché non si pensi che dipenda dal risultato delle urne»

A volte ritornano: Enrico Rossi ha annunciato che alla fine delle elezioni chiedere l’iscrizione al Partito Democratico. Aveva lasciato il partito insieme a Pier Luigi Bersani, Massimo D’Alema e Roberto Speranza in modo da poter formare il Movimento dei Democratici e Progressisti: una scelta che si è rivelata sbagliata, e a convincere Rossi sono proprio i risultati elettorali.

LEGGI ANCHE > Vauro: «Caro Piddì, sei sordo, distratto o scemo?»

Enrico Rossi torna a casa: «Dopo le elezioni chiederò l’iscrizione al PD»

L’esperienza dentro Articolo Uno-Mdp può considerarsi ormai conclusa per Enrico Rossi, che aveva lasciato il Partito Democratico due anni fa per dar vita al nuovo movimento di sinistra in contrapposizione con l’allora segretario del PD Matteo Renzi. «In quel momento uscire da Pd mi sembrò la cosa giusta da fare – ha dichiarato il governatore della Toscana in un’intervista a Repubblica –  Poi i risultati elettorali hanno dimostrato invece che io e gli altri abbiamo sbagliato».

Enrico Rossi torna quindi sui suoi passi: dopo le elezioni europee chiederà nuovamente l’iscrizione al Pd, ma lo annuncia prima in modo che «non si pensi che dipenda dal risultato delle urne». La decisione di tornare nel Partito Democratico infatti  è un modo anche per contrastare ai movimenti sovranità anche in scala europea. «Se vogliamo vincere dobbiamo riunire una forza che vada dai liberali alla sinistra» continua Rossi raccontando che l’idea nacque proprio durante la manifestazione antifascista tenutasi a Prato lo scorso 23 marzo.

Enrico Rossi chiarisce però che l’attuale segretario del partito, Nicola Zingaretti, non è stato consultato prima di prendere la decisione.

(Credits immagine di copertina:  ANSA/ ALESSANDRO DI MEO)