Salvini 2016: «Fuori dalle palle chi cambia partito»

Ora apre le porte ai tre deputati che hanno lasciato Forza Italia

19/11/2020 di Enzo Boldi

Deputati Forza Italia

«Ah shit, here we go again». Esatto, ci risiamo. Come già accaduto in passato, le vicende parlamentari si intrecciano con le vecchie dichiarazioni del passato. Ed ecco che dal 2016 di Matteo Salvini riemerge una dichiarazione su quei politici che, nel bel mezzo di un mandato, decidono di abbandonare il partito nel quale sono stati eletti. E oggi che tre deputati Forza Italia – Federica Zanella, Maurizio Carrara e Laura Ravetto – hanno lasciato Silvio Berlusconi per confluire nella Lega, quelle parole del leader del Carroccio tornano a riecheggiare (come già accaduto in passato).

LEGGI ANCHE > Federica Sciarelli e Sileri che «sicuramente sta in qualche studio televisivo»

Era il 2 agosto del 2016 durante la festa della Lega di Cervia disse: «Se vieni eletto in Parlamento con quel partito e poi cambi partito, te ne vai a casa e ti togli dalle palle. Basta con questa cosa del vincolo di mandato. Sennò poi ti trovi gli Scilipoti e i Verdini». Ovviamente all’epoca non sapeva che nel giro di pochi anni si sarebbe fidanzato con la figlia del senatore Verdini. Né che qualche tempo dopo si sarebbe ritrovato ad accogliere tantissimi parlamentari che sono andati via da altri Gruppi a Montecitorio e a Palazzo Madama.

Deputati Forza Italia lasciano per finire con Salvini

Il video di quell’intervento di Matteo Salvini è stato pubblicato anche da Il Fatto Quotidiano qualche mese fa, in occasione di diversi ingressi nella Lega da parte di altri parlamentari (prima dei tre deputati Forza Italia) provenienti (la maggior parte) dal Movimento 5 Stelle. Insomma, sono tutti Scilipoti (o Verdini) col partito degli altri. Quando poi si aprono i porti agli approdi che rinvigoriscono la propria squadra, tutto diventa meravigliosamente bello. La sintesi della politica moderna (ma anche di quella passata di cui sono figli i nostri attuali rappresentanti in parlamento).

(foto di copertina: da profilo Instagram di Matteo Salvini)

Share this article