Monica Cirinnà contro la sua hater: «Valuterò se querelare, anche noi a sinistra abbiamo responsabilità»

di Redazione | 21/10/2019

Monica Cirinnà

L’odiosa offesa che è stata rivolta a Monica Cirinnà nella giornata di ieri ha fatto il giro del web. Una hater, probabilmente un troll, le aveva augurato un carcinoma ai polmoni. Tuttavia, la risposta della senatrice del Partito democratico era stata da incorniciare: ha ricordato le sue due operazioni al seno e ha affermato di conoscere il dolore e la sofferenza e di non aver paura della morte.

LEGGI ANCHE > La bella risposta di Monica Cirinnà all’utente che le augurava ‘un carcinoma ai polmoni che ti maciulli’

La Cirinnà valuta querela rispetto alla sua hater che le ha augurato un carcinoma

Oggi, contattata dall’Huffington Post, Monica Cirinnà ha risposto di sentirsi bene, nonostante la giornata difficile e di aver ricevuto tantissimi messaggi di incoraggiamento da parte delle persone che le hanno espresso la propria solidarietà.

In modo particolare, la senatrice del Pd ha affermato di sapere che, con ogni probabilità, questa persona che l’ha offesa è un troll, ma comunque il suo legale – che raccoglie i purtroppo frequenti insulti che riceve sul web – valuterà il da farsi e se intraprendere una qualche azione legale nei confronti di tale Vanitosa 95, il nickname che ha augurato un carcinoma alla Cirinnà.

Le responsabilità della politica secondo la Cirinnà

L’odio bersaglia la rete e prende di mira soprattutto le donne: la stessa hater aveva rivolto offese in passato anche ad altre personalità politiche, augurando un tumore anche alla figlia di Luara Boldrini. «La politica può e deve fare qualcosa per combattere questa deriva. Servono regole stringenti – ha detto la Cirinnà -. A questa rabbia va data una regola. Anche noi della sinistra abbiamo sbagliato, abbiamo responsabilità precise. Occorre ripartire dall’ascolto».

Il caso in specie, tuttavia, sembra poter finire al più presto nel dimenticatoio. Del resto, la tempra della senatrice del Partito Democratico è nota a tutti. Non sarà certo un profilo – per giunta probabilmente falso – a preoccuparla.