Centinaio scherza sul gestaccio al Senato, nella vignetta diventa «mi vuoi sposare?»

di Gianmichele Laino | 03/12/2019

Centinaio

Era diventata una sorta di tormentone, nella giornata di giovedì scorso, la frase del deputato Flavio Di Muro, leghista, che aveva chiesto alla compagna Elisa di sposarlo. In quella circostanza, aveva approfittato di un suo intervento a Montecitorio per mostrare l’anello. Diciamo che, invece, ieri nella seduta sul Mes, un altro leghista, l’ex ministro Gian Marco Centinaio, ha mostrato ben altro ai suoi colleghi.

LEGGI ANCHE > Renzi saluta Salvini a pugno chiuso e getta un’ombra sul governo

Centinaio e gli insulti al Senato durante il discorso sul Mes

Il dibattito sul Mes è sempre stato ad alta tensione. Dopo l’intervento a Palazzo Madama di Giuseppe Conte, infatti, i senatori della Lega – con Matteo Salvini in testa – hanno chiesto al presidente del Consiglio, anche attraverso alcuni cartelli, di vergognarsi per quanto appena affermato sul meccanismo europeo di stabilità e per il suo presunto silenzio con le altre istituzioni italiane al momento della prima firma a giugno 2019.

Gian Marco Centinaio ha avuto uno scontro molto duro soprattutto con il senatore del Movimento 5 Stelle Vincenzo Santangelo. Dopo una serie di insulti reciproci, l’ex ministro leghista ha aperto le braccia, ha intimato al senatore di stare in silenzio («lui e tutta la sua famiglia», probabilmente riferendosi al gruppo del Movimento 5 Stelle, visti i gesti fatti) e gli ha fatto capire, mimandolo, che gli avrebbe fatto «un culo così».

Centinaio, il gestaccio in aula e lo scherzo sui social

Ovviamente, la scena è stata immortalata da fotocamere e videocamere. Ed è diventata il tema di una vignetta di Osho, che tanto spesso è irriverente con i personaggi politici. All’immagine del chiaro gesto volgare di Centinaio, Osho ha abbinato la domanda: «Mi vuoi sposare?».

Nella giornata di ieri, una utente di Twitter ha anche risposto ironicamente «Sì», venendo retwittata dallo stesso Centinaio che, dunque, non ha perso l’occasione per scherzare su quanto accaduto al Senato. La sua spiegazione ufficiale, invece, sempre attraverso social netwrok è stata una precisazione, visto che all’inizio si era diffusa la notizia di un suo litigio con Andrea Marcucci del Pd: «Mai litigato con il Sen. Andrea Marcucci, capogruppo del Pd: la mia reazione era rivolta ad un Senatore 5 stelle che ha iniziato, senza motivo, a insultarmi. Chiedo ai giornalisti di informarsi prima di scrivere STUPIDATE».