No, Putin non ha mai detto ai russi “Decidete, in casa 15 giorni o 5 anni di carcere”

di Ilaria Roncone | 24/03/2020

  • Anche oggi non manca la bufala su una presunta citazione di Putin

  • Il politico avrebbe affermato che o i russi stanno a casa 15 giorni o si fanno 5 anni di carcere

  • Non esiste prova che Putin abbia mai pronunciato queste parole

Le bufale su ciò che Putin stia o meno facendo continuano a venir fuori ogni giorni. Se ieri abbiamo parlato dei 500 leoni liberati per strada così da obbligare i cittadini russi a rimanere in casa, oggi è il turno dell’aut aut mai pronunciato. Anche in questo caso si tratta di una vera e propria bufala, diffusa in rete, secondo la quale Putin avrebbe affermato nel corso di una conferenza stampa che i russi possono scegliere tra rimanere a casa per 15 giorni o andare in prigione per 5 anni.

LEGGI ANCHE >>> Le misure che Putin ha preso in Russia contro il coronavirus non sono così diverse da quelle degli altri Paesi

La bufala su Putin che dice ai russi “O 15 giorni a casa, o 5 anni in galera”

L’immagine di Putin come uomo forte contro il coronavirus va tanto di moda in rete ma il Presidente della Federazione Russa non ha mai fatto questa dichiarazione. Come portato alla luce da Open in un pezzo di David Puente, sui social sono in molti ad attribuire questa affermazione a Putin, con tweet che girano anche in lingua inglese. Il politico russo avrebbe fatto tale affermazione nel corso di una conferenza stampa della quale, però, non si trova traccia da nessuna parte se non su un’immagine diffusa sui social che non ha fonte e su tutte quelle che ne sono derivate e sono state ricondivise.

Il tweet con la citazione Putin tradotto anche in Italiano

Non manca ovviamente anche la traduzione in italiano della citazione mai pronunciata da Putin. Si legge, in uno dei primi tweet pubblicati in data 1 marzo, «Conferenza stampa di Putin , durata 2 minuti : … ” allora decidete, state in casa 15 giorni o 5 anni di di carcere in Siberia.” In queste situazioni in Cina e Russia le cose funzionano meglio». Immancabile l’allusione al fatto che Cina e Russia funzionino meglio durante l’emergenza coronavirus perché con governanti in grado di usare il pugno duro. Attualmente la Russia conta 438 casi di contagio – dato di ieri – e le autorità hanno chiesto che gli anziani si auto isolino, uscendo solo se strettamente necessario.

(Immagine copertina dall’articolo da Pixabay+screen tweet dall’articolo Open)