«Non potremo mai sapere se Viviana Parisi sia stata strangolata»

L'intervista del Corriere della Sera a Stefano Vanin, uno degli esperti che ha effettuato l'autopsia

di Enzo Boldi | 12/08/2020

Viviana Parisi
  • Stefano Vanin ha rilasciato un'intervista a Il Corriere della Sera

  • È uno degli esperti che ha effettuato l'autopsia Viviana Parisi

  • L'esame non ha dato molte certezze

Come già ipotizzato lo scorso 8 agosto, data del ritrovamento del corpo nei boschi di Caronia, l’autopsia Viviana Parisi potrebbe non dare grandi indicazioni sulle cause della morte della dj 43enne. Ovviamente occorrerà aspettare i canonici 90 giorni per l’ufficializzazione delle evidenze emerse dall’esame autoptico, ma uno degli esperti che ha analizzato il corpo della donna ed effettuato un sopralluogo nel luogo del ritrovamento, ha svelato alcuni dettagli.

LEGGI ANCHE > Il padre di Viviana Parisi: «Penso a un gesto estremo dopo l’incidente» | VIDEO

Stefano Vanin, noto entomologo forense che ha preso parte agli esami anche di altri fatti di cronaca nera in Italia, ha raccontato a Il Corriere della Sera alcuni dettagli. Sono poche le certezze che si hanno, al momento, dopo l’autopsia Viviana Parisi. Tra queste ce’è l’esclusione di ferite da armi da taglio o da fuoco. Al tempo stesso, però, l’esperto ha rivelato che l’avanzato stato di composizione in cui è stato ritrovato il corpo della donna, non permetterà mai di sapere se la 43enne sia stata vittima di uno strangolamento.

Autopsia Viviana Parisi, le parole di Vanin

Stesso discorso vale per le fratture. Se il legale della famiglia Mondello ha già parlato di ferite compatibili con una caduta dall’alto, Vanin sostiene che per il momento non si possa dare certezza a questa ricostruzione. E comunque, spiega lo stesso entomologo forense, una caduta non escluderebbe alcuna pista: né quella del suicidio, né quella dell’omicidio volontario (attraverso una spinta), come sostiene anche la Procura di Patti che ha aperto un’inchiesta seguendo queste ipotesi di reato.

Le poche certezze dopo gli esami

Vanin ha sottolineato come l’unica cosa che appare quasi certa è che Viviana Parisi sia morta nel luogo in cui è stata ritrovata. Questa sicurezza sarebbe data dalle tracce trovate nella zona in cui è stato ritrovato il corpo senza vita della 43enne sabato scorso, nei boschi di Caronia.

(foto di copertina: da pagina Facebook di Daniele Mondello)