Quanto ti manipola l’algoritmo di Twitter, e non solo?

Elon Musk e Jack Dorsey hanno dibattuto sull'algoritmo di Twitter e il ricchissimo imprenditore aveva effettivamente ragione: l'algoritmo manipola utenti

16/05/2022 di Martina Maria Mancassola

L’algoritmo di Twitter manipola gli utenti: questa è l’ultima dichiarazione di Elon Musk, che potrebbe rappresentare davvero qualcosa di vero ed importante. Musk, che potrebbe o meno acquistare il social Twitter – anche se, come già raccontato, il ricchissimo imprenditore ha dichiarato di recente che l’accordo su Twitter è «sospeso» dopo la segnalazione di spam/account falso perché intende prima vedere i numeri dell’azienda – ha sempre pubblicato riflessioni sul proprio profilo Twitter. Tra queste riflessioni, c’era anche una richiesta agli utenti di Twitter di cambiare i loro feed dalla versione «home» ordinata algoritmicamente a «la più recente», in cui i tweet appaiono in ordine cronologico inverso, ovvero nel mondo in cui Twitter avrebbe dovuto da sempre essere letto, nonostante il tentativo di poco fa di forzare la timeline della home degli utenti.

Leggi anche > Musk fa sapere che l’accordo su Twitter è “sospeso” dopo la segnalazione di spam/account falso

L’algoritmo di Twitter manipola gli utenti secondo Musk

Il pensiero di Elon Musk è che l’algoritmo possa manipolare gli utenti inconsciamente. Questa è una linea di pensiero abbastanza ragionevole poiché supportata dalla ricerca. Un’equazione matematica che mostra alle persone solo ciò che pensa che le stesse vogliano vedere, nel lungo termine, renderà più difficile introdurre altre fonti di informazione. Elon Musk dal suo profilo Twitter dichiara: «Molto importante per correggere il tuo feed Twitter: 1. Tocca il pulsante Home. 2. Tocca le stelle in alto a destra dello schermo. 3. Seleziona “Ultimi tweet”. Sei manipolato dall’algoritmo in modi di cui non ti rendi conto. Facile passare avanti e indietro per vedere la differenza».

Jack Dorsey, ex fondatore di Twitter, si è sentito offeso dalla dichiarazione di Musk, dichiarando come il feed algoritmico sia stato progettato per gli utenti che non controllano eccessivamente i post della piattaforma. In una risposta ad un utente, Dorsey ha confessato che l’algoritmo può avere «conseguenze indesiderate», ma che non è stato progettato per manipolare gli utenti: «È stato sicuramente progettato per la manipolazione! Se avessi avuto buone intenzioni, non ci avresti dettato questo design. Quindi anche il tweet di Elon sarebbe così: Ehi! se vuoi risparmiare tempo: 1. Tocca il pulsante Home 2. Tocca le stelle in alto a destra dello schermo 3. Seleziona “Tweet home”».

Dorsey non ha dichiarato che l’algoritmo era destinato a manipolare le persone ma che tale manipolazione risulta possibile. Questo dimostra che Musk ha ragione sul punto: gli utenti dovrebbero cambiare il feed Twitter da «Casa» a «Più recente», per evitare che la piattaforma invii loro tweet. L’unico modo ragionevole per mettere in ordine i contenuti di internet è in ordine cronologico. Gli algoritmi potranno anche manipolare gli utenti, ma il tempo no.

Foto IPP/zumapress

Share this article
TAGS
window._taboola = window._taboola || []; _taboola.push({ mode: 'thumbnails-b', container: 'taboola-below-article-thumbnails', placement: 'Below Article Thumbnails', target_type: 'mix' }); -->