Walter Ricciardi si è dimesso dalla guida dell’ISS (ma la notizia è del dicembre 2018)

30/04/2020 di Enzo Boldi

Sì, Walter Ricciardi non è più il direttore dell’Istituto Superiore di Sanità e in molti stanno ‘esultando’ sui social per tutto ciò. Ma si tratta di un entusiasmo a scoppio ritardato visto che il medico non è più alla guida dell’ISS dal dicembre del 2018, quando rassegnò le proprie dimissioni in contrasto con le posizioni del governo di allora (quello guidato da Movimento 5 Stelle e dalla Lega) definite dal lui stesso ‘antiscientifiche’. Allora, perché le persone credono che questo sia un fatto recente.

LEGGI ANCHE > Salvini chiede al governo di «cacciare» Ricciardi per un tweet contro Trump

A creare confusione è stato un articolo condiviso da Libero Quotidiano sui social e datato 29 aprile 2020. Il pezzo on questione riporta l’inchiesta fatta da Le Iene sul presunto conflitto di interessi da parte di Walter Ricciardi che lo avrebbe portato alla decisione di dimettersi dalla guida dell’ISS.

Walter Ricciardi si è dimesso dall’ISS (ma era nel 2018)

Peccato che quell’inchiesta della famosa trasmissione Mediaset e la decisione di Walter Ricciardi di dimettersi dalla poltrona di Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, sia vecchia. Molto vecchia. Come detto, infatti, il tutto risale al dicembre del 2018. La ricostruzione fatta da Libero Quotidiano, invece, sembra restituire il racconto di un fatto temporalmente contingente con quel che sta accadendo ora in Italia. Cosa non reale. E il lettore, che non ha colpe, si trova di fronte a quella data del 29 aprile 2020 indicata nell’articolo del quotidiano di Feltri e Senaldi.

Il consulente di Speranza

Sta di fatto che la figura di Walter Ricciardi, dopo le aspre critiche ricevute anche da Matteo Salvini, è diventata una delle figure più invise nel nostro Paese. Il suo ruolo attuale è quello di consulente del Ministero della Sanità per la gestione dell’emergenza coronavirus in Italia. Ma, ribadiamo, non è più presidente dell’ISS da quasi un anno e mezzo.

(foto di copertina: da Otto e Mezzo, La7)

Share this article