Salvini: «Repubblica o Topolino, appunto. Più o meno la stessa cosa»

di Redazione | 28/10/2019

Salvini Topolino
  • Matteo Salvini si è collegato con la trasmissione L'Aria che tira

  • Ha paragonato Repubblica a Topolino

  • Ha screditato la notizia del ritorno di fiamma con Luigi Di Maio

Matteo Salvini si è collegato con la trasmissione L’Aria che tira su La7, condotta da Myrta Merlino. Preso dal successo in Umbria, alle elezioni regionali, il leader della Lega si è lasciato andare al solito atto di spavalderia nei confronti dei giornali. La conduttrice della trasmissione, infatti, gli ha chiesto di un possibile ritorno di fiamma di Luigi Di Maio nei suoi confronti. E lui ha subito bollato la voce come «notizia da Topolino».

LEGGI ANCHE > L’Espresso risponde a Salvini raccontando gli scandali della Lega come se fosse un fumetto di Topolino

Salvini paragona Repubblica a Topolino

«Ho letto sui giornali di questa mattina – ha detto Myrta Merlino – di un possibile ritorno con Di Maio. Visti i risultati deludenti, infatti, il leader del M5S sarebbe tentato di tornare metaforicamente nelle sue braccia». Salvini nega tutto e, per farlo, utilizza il solito odioso paragone con Topolino: «Dove l’ha letto? Su Topolino?». La Merlino ha replicato che la notizia era stata battuta da Repubblica. Il leader della Lega ha rincarato la dose: «Ecco, appunto: Topolino o Repubblica sono quasi la stessa cosa».

La solita narrazione salviniana

Sappiamo che la narrazione salviniana impone che una rivista per bambini (con alti scopi educativi e con tavole che hanno fatto la storia degli albi a colori) sia da associare a qualcosa di poco credibile. Da qui il paragone con Repubblica, con lo scopo di screditare il giornale diretto da Carlo Verdelli. Ovviamente, questa visione era già stata riproposta in passato, quando Matteo Salvini aveva paragonato al fumetto anche la rivista L’Espresso.

In quella circostanza, in tutta risposta, la copertina del numero successivo del settimanale era stata dedicata proprio ai personaggi di Topolino ridisegnati in chiave moderna e con un paragone con l’allora governo giallo-verde.

FOTO: ANSA/ETTORE FERRARI