Toninelli replica alle accuse: «Potevo arrabbiarmi meno, ma mi stavano aggredendo verbalmente» | VIDEO

03/07/2020 di Enzo Boldi

Toninelli

Quel filmato che ha visto protagonista Danilo Toninelli ha provocato molte reazioni. L’ex ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti è stato immortalato mentre discute con alcuni contestatori che lo hanno riconosciuto tra i tavolini di un bar della capitale. Il pentastellato, viste le pressanti domande (e anche gli insulti ripetuti) ha risposto a tono prima di alzarsi e andare via. Il video è diventato virale e oggi il protagonista ha voluto dare la sua versione dei fatti.

LEGGI ANCHE > L’acceso confronto tra Toninelli e alcuni cittadini. Poi l’ex ministro se ne va | VIDEO

«Io mi arrabbio perché non possono dirmi che sono uguale agli altri. Io mi taglio lo stipendio da sette anni e questi devono saperlo – ha detto Danilo Toninelli in diretta su Facebook -. Noi siamo contro i vitalizi, siamo contro la casta, siamo l’unica forza politica contro. Certo, avrei potuto arrabbiarmi meno, ma non era una situazione normale, perché avere attorno 10-15 persone attorno che contemporaneamente, verbalmente ti aggrediscono, mentre uno filmava. Se ti parla un cittadino normale non ti punta il telefono contro. Ma non era una situazione come le altre»

Toninelli spiega in un video il suo sfogo

L’ex ministro delle Infrastrutture e dei trasporti ha spiegato che quell’episodio, immortalato dalla telecamera di uno smartphone, risale a martedì scorso. Danilo Toninelli ha detto che si trovava seduto in quel bar sotto il suo ufficio per un incontro di lavoro. Poi, mentre parlava con il suo interlocutore, si è visto circondato da quelle persone che hanno iniziato a fargli pressanti domande.

L’accusa a Salvini

Poi il riferimento alle ricostruzioni faziose fatte anche da qualche leader politico sui social: «Salvini ha rilanciato pezzi del filmato per generare odio e fa male, malissimo, ed ha anche un effetto drammatico per la democrazia. Ti porta a pensare che una persona che è perbene non lo sia. Questo fa male»

(foto di copertina: da pagina Fecabook di Danilo Toninelli)

Share this article