Ventuno secondi: questo il tempo dedicato dal Tg2 alla notizia della scorta a Liliana Segre

di Gaia Mellone | 07/11/2019

Ventuno secondi: questo il tempo dedicato dal Tg2 alla notizia della scorta a Liliana Segre
  • Da oggi a Liliana Segre è stata assegnata una scorta

  • L'assegnazione dopo l'ondata di insulti e minacce ricevute dalla senatrice a vita

  • Il Tg2 dedica pochi secondi alla notizia: ventuno per l'esattezza

La notizia dell’assegnazione di una scorta a Liliana Segre è sulla bocca di tutti: tra chi esprime solidarietà, giudicano giusta e legittima la decisione dopo l’ondata di odio che ha travolto la senatrice a vita, e chi usa parole forti e denigratorie per sminuire la vicenda e dichiara di ricevere la stessa quantità di insulti. Il Tg2 durante l’edizione delle 13 ha però dedicato poco spazio alla notizia: pochissimi secondi, 21 per l’esattezza.

Ventuno secondi: questo il tempo dedicato dal Tg2 alla notizia della scorta a Liliana Segre

LEGGI ANCHE> L’esponente di FdI sulla scorta a Liliana Segre: «Ma chi se la inc*la»

Solo ventuno secondi per parlare della scorta assegnata a Liliana Segre: questa la scelta della redazione del Tg2 per l’edizione delle 13 di giovedì 7 novembre. Una superficialità che non è passata inosservata sui social network, dove si è scatenata l’indignazione. A farsene portavoce è Michele Anzaldi, deputato di Italia Viva parte della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi. Su twitter Anzaldi ha infatti pubblicato il video del telegiornale Rai accompagnandolo con un commento molto severo. «Tg2 liquida in pochi secondi notizia senatrice a vita Liliana #Segre costretta alla scorta per le minacce ricevute – scrive il deputato – caso del giorno che sta scatenando indignazione e un’ondata di solidarietà a tutti i livelli». Il deputato Anzaldi invoca quindi un commento da parte di «Salini Cda Cdr» chiedendo: «Questa è informazione da servizio pubblico?».

(Credits immagine di copertina: fermo immagine video Twitter Michele Anzaldi@Michele_Anzaldi)