Salvini dice che le minacce a Liliana Segre sono le stesse che riceve lui

di Enzo Boldi | 07/11/2019

Scorta Segre

Le minacce e l’odio devono essere sempre condannati. Da qualsiasi parte arrivino. Quanto accaduto alla senatrice a vita Liliana Segre – che sulla sua pelle ha già dovuto patire la vergogna dei campi di concentramento in cui era stata rinchiusa quando era bambina per la sola ‘colpa’ (perché all’epoca era quasi un reato) di essere ebrea – è quanto di più vergognoso possa accadere in un Paese democratico come dovrebbe essere l’Italia. Duecento minacce al giorno, oltre agli insulti quotidiani che hanno obbligato comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico a predisporre la scorta Segre.

LEGGI ANCHE > La scorta alla Segre, i commenti: «Potrebbe starsene a casa» o «Nel Paese problemi più seri, come Bibbiano»

Anche Matteo Salvini si è schierato dalla parte della senatrice a vita, sottolineando come ogni forma di odio e minacce debba essere condannato. Il tutto nonostante le visioni completamente divergenti su molti aspetti, compresa la questione della famosa commissione contro odio, razzismo e antisemitismo (quindi non solo contro l’antisemitismo) la cui approvazione a Palazzo Madama è avvenuta nonostante l’astensione di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia.

Scorta Segre: Salvini dice di ricevere quotidianamente minacce

Nonostante questo, Matteo Salvini, chiamato a commentare la notizia della scorta Segre, ha ribadito come sia giusto condannare le minacce che imperano in particolar modo sui social (e non solo). Poi sottolinea un altro aspetto: «Le minacce contro Segre, contro Salvini, contro chiunque sono gravissime. Anche io ne ricevo quotidianamente».

Le minacce al leader della Lega e la sua scorta

Un tema, quello delle minacce, che il leader della Lega aveva raccontato anche quando era ministro dell’Interno, spiegando di aver ricevuto diverse lettere minatorie oltre agli insulti sui social. Per questo motivo e per il suo ruolo istituzionale, il senatore aveva la scorta d’ordinanza, anche per tutelarlo da eventuali pericoli.

(foto di copertina: ANSA/ANGELO CARCONI + ANSA / MATTEO BAZZI)