Covid, il Cts autorizza test rapidi a scuola: risultato in 20 minuti

Arriva il via libera e la comunicazione alle scuole del paese

di Ilaria Roncone | 29/09/2020

I test rapidi scuola hanno avuto il via libera ufficiale dal Comitato tecnico-scientifico e potranno essere fatti in tutte le scuole d’Italia. Per evitare il più possibile la situazione in cui un positivo asintomatico entra in classe e contagia compagni, docenti, personale scolastico si ricorre quindi ai test antigenici proposti dal ministero della Salute. La circolare, che non era all’ordine del giorno, è stata illustrata dai rappresentanti del ministero.

LEGGI ANCHE >>> Il libro di seconda elementare in cui il bambino nero dice: «Io vuole imparare italiano bene»

Test rapidi scuola, risultati in 20 minuti

I test rapidi daranno la possibilità di scoprire l’eventuale positività di ragazzi e bambini in 20 minuti. L’autorizzazione a fare i test viene data, nelle scuole, «ai fini esclusivi di screening è possibile utilizzare i test antigenici». L’accordo di massima in merito è stato raggiunto nel corso di una riunione sulla bozza della circolare nella quale verrà confermata la notizia, comunicandola così a tutte le scuole d’Italia.

Migliore gestione dei casi sospetti

La questione tamponi rapidi autorizza così milioni di esami rapidi direttamente all’interno degli istituti che, seppure non precisi al 100%, daranno la possibilità di scoprire quasi in tempo reale se un giovane è positivo al Covid così come di confermare e gestire di conseguenza i casi sospetti. Alcune regioni – si veda il Lazio – si sono già mosse in questa direzione autorizzando l’ingresso negli edifici scolastici dei medici della Asl che somministreranno test rapidi a tutti i ragazzi che si sentono male e che vengono immediatamente isolati dal resto dei compagni, docenti e personale scolastico.