Formula 1: Gp Azerbajan, vince Hamilton con una “Bottas di Culo”

Formula 1, Gp Baku 2018 Azerbaijan Gran Prix, gara pazza degna di un film , vince Lewis Hamilton secondo Kimi Räikkönen , terzo Sergio Perez

Formula 1, Gp Baku 2018 Azerbaijan Gran Prix, per scrivere questa news velocemente ci vorrebbe tutto la durata di un Gp,  (quindi abbonatevi a sky ), e  purtroppo di conseguenza noi perdiamo il nostro aplomb professionale per usare apertamente parole come Culo, che in Formula 1 si chiama elegantemente Fortuna.
https://www.instagram.com/p/BiKKCwRgdgu/?taken-by=mercedesamgf1
Una gara incredibile piena di colpi di scena che alla fine ha visto premiato il pilota che invocava il Fattore C.  Lewis Hamilton. Sfortunato ancora (il termine meno elegante è sfigato!) Sebastian Vettel arrivato quarto dopo aver tentato il colpaccio alla ripartenza della safety car, spiattellando purtroppo le gomme. Stesso termine non elegante di sfortuna per il povero Valterri Bottas, che ha visto alla fine del Gp sfumare una meritata vittoria a causa di un detrito che gli ha forato la gomma. Fortunato (anche in amore vista la bellissima moglie) Kimi Raikkonen giunto secondo dopo una gara anonima, fortunatissimo Sergio Perez giunto terzo (anche se al momento mentre scriviamo è under investigation, per una presunta irregolarità con il DRS).

Due parole su Max Verstappen e Daniel Ricciardo, in particolare il primo convinto di stare in un film della Disney dove le auto non si fanno nulla, con il  risultato di un crash tra i due piloti,  dopo che si erano sfidati in modo quasi onesto per tutto il Gp. Ora per la direzione Red Bull un bel problema da risolvere, mentre Ricciardo decisamente può prendere la strada della Ferrari come voci di Paddock sussurano per il prossimo anno, ma siamo convinti che la moglie di Raikkonen darà gli “stimoli” giusti a Kimi per fargli vincere la prossima gara.
Due giorni prima, Ricciardo dal suo Instagram, aveva già espresso il suo parere sul compagno di squadra….
https://www.instagram.com/p/BiC8VzaHKEe/?taken-by=danielricciardo
Nota speciale per un bravissimo Charles Leclerc giunto sesto  che finalmente fa vedere quello che vale, e guadagna consensi per un posto in Ferrari anche lui, sempre moglie di Raikkonen permettendo. Ultima nota, qui  ci starebbe bene un’altro termine inelegante, ma evitiamo, per Romain Grosjean autore di un “Grossolano” errore, per fare un gioco di parole con il suo cognome, mentre si era in regime di safety car,  costringendo de facto ad un prolungamento della stessa e l’entrata in pista (segnalata anche da Hamilton come pericolosa via radio) di un grosso camion che ricordava Cricchetto di Cars, che ha impiegato veramente un tempo lunghissimo per rimuovere l’Haas del pilota andato a muro mentre scaldava le gomme.

Forse sarà il caso di rivedere la sede di Baku  che non sembra proprio il posto più adatto per fare correre la Formula 1. In ogni caso al pilota francese è stata consigliata una settimana nel traffico di Napoli accompagnata dai bravissimi driver partenopei in grado di dargli le giuste indicazioni.
La classifica finale.

POS NO DRIVER CAR LAPS TIME/RETIRED PTS
1 44 Lewis Hamilton MERCEDES 51 1:43:44.291 25
2 7 Kimi Räikkönen FERRARI 51 +2.460s 18
3 11 Sergio Perez FORCE INDIA MERCEDES 51 +4.024s 15
4 5 Sebastian Vettel FERRARI 51 +5.329s 12
5 55 Carlos Sainz RENAULT 51 +7.515s 10
6 16 Charles Leclerc SAUBER FERRARI 51 +9.158s 8
7 14 Fernando Alonso MCLAREN RENAULT 51 +10.931s 6
8 18 Lance Stroll WILLIAMS MERCEDES 51 +12.546s 4
9 2 Stoffel Vandoorne MCLAREN RENAULT 51 +14.152s 2
10 28 Brendon Hartley SCUDERIA TORO ROSSO HONDA 51 +18.030s 1

 

Share this article