La speranza di Speranza: «La luce in fondo al tunnel si vede»

Il Ministro della Salute parla di mesi difficile, ma con spiragli favorevoli con l'arrivo del vaccino

13/11/2020 di Enzo Boldi

Speranza luce in fondo al tunnel

La firma delle nuove ordinanze per colorare l’Italia di un colore sempre più tendente al rosso. Con l’ultima decisione del Ministero della Salute (in base ai numeri forniti dall’Istituto Superiore di Sanità che, a sua volta, li ha recepiti dalle Regioni), l’Italia si appresta – a partire da domenica – ad avere solamente cinque Regioni ancora colorate di giallo. Dall’ultima scrematura, infatti, si ‘salvano’ Veneto, Lazio, Sardegna, Molise e la provincia autonoma di Trento. Diventano arancioni (oltre a Puglia, Sicilia, Umbria, Liguria, Abruzzo e Basilicata) anche Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche. Si tingono di rosso, invece, Campania (bypassando lo step arancione) e Toscana, che vanno ad aggiungersi alle già note Lombardia, Piemonte, Valle D’Aosta, Calabria e provincia autonoma di Bolzano. Ma il Ministro della Salute Roberto Speranza dice che ora si intravede la luce in fondo al tunnel.

LEGGI ANCHE > De Magistris dice che se la Campania ora è zona rossa, i dati della Regione non erano reali

«Saranno mesi non facili ma la luce in fondo al tunnel si vede. Presto la scienza produrrà dei vaccini efficaci e sicuri e nel giro di qualche mese saremo nelle condizioni di provare a programmare un’uscita da questa stagione così difficile – ha detto il Ministro Speranza ai microfoni del Tg1 -. Sono mesi di resistenza alla fine dei quali finalmente vinceremo questa sfida». Insomma, Speranza luce in fondo al tunnel. Di nome e di fatto.

Speranza luce in fondo al tunnel con l’arrivo del vaccino

In attesa dell’arrivo in Italia del vaccino anti-covid, oggi arriva la firma della nuova ordinanza con l’indicazione delle nuove zone rosse e zone arancioni. «Un tentativo di provare a costruire misure interventi che si erano adeguati rispetto alla situazione di ciascun territorio – ha spiegato Speranza -. Quindi non unica misura nazionale uguale per tutti, ma una fotografia che cambia a seconda della situazione di ciascun territorio. Con franchezza dico che non sono pagelle sulle regioni: ciascuno sta facendo tutto il possibile ma abbiamo bisogno ancora di misure significative se vogliamo piegare questa curva»

(foto di copertina: da profilo Instagram di Roberto Speranza)

Share this article