La risposta di Selvaggia Lucarelli al deferimento dell’Odg Lombardia

di Ilaria Roncone | 08/07/2020

Selvaggia Lucarelli deferita dal Consiglio disciplinare dell’ordine dei giornalisti della Lombardia è una vicenda che fa già discutere, con la diretta interessata che ha confermato sui suoi profili social l’ufficialità della notizia sottolineandone – in maniera ironica – la genialità. Nel suo tweet di recap della vicenda la Lucarelli ripercorre quanto accaduto confermando il deferimento e ironizzando sul fatto che siano stati i siti della Lega a sfruttare per primi l’immagine del figlio nel modo che viene a lei contestato.

LEGGI ANCHE >>> Il deferimento di Selvaggia Lucarelli significa che i figli dei ‘famosi’ non possono esprimere le loro idee

Selvaggia Lucarelli deferita dall’Odg Lombardia

Nel suo tweet sulla questione deferimento Selvaggia Lucarelli, la giornalista ripercorre cronologicamente quanto accaduto: le parole del figlio, l’intervento della polizia che lo costringe a fornire le generalità davanti a telecamere e un centinaio di persone, la Lega che pubblica i video, l’intervento della giornalista per chiarire quanto accaduto e il conseguente deferimento.

L’insensatezza del provvediemento

Selvaggia Lucarelli è intervenuta rispetto al video Leon Pappalardo Salvini solo in un secondo momento, una volta che il 15enne è stato fermato dalla Polizia per essere identificato. Come avevamo già sottolineato, inoltre, Matteo Salvini risulta essere ancora iscritto all’Ordine dei giornalisti, il che significa che la nota esposizione mediatica dei figli – quello che viene contestato alla Lucarelli – è prassi abituale per il leader della Lega. Un due pesi e due misure da parte del Consiglio disciplinare dell’Odg lombardo che la Lucarelli non poteva certo mancare di sottolineare.