Moncalvo a Report: «Salvini è stato plasmato da Savoini. È una sua creatura» | VIDEO

di Enzo Boldi | 21/10/2019

Savoini
  • Le anticipazioni della puntata di Report in onda questa sera

  • Si parla dei fondi russi alla Lega e della presunta trattativa portata avanti da Savoini

  • Il racconto di Gigi Moncalvo, ex direttore de La Padania quando c'era Salvini

C’è un filo comune, sicuramente non rosso, tra Gianluca Savoini e Matteo Salvini. I due, infatti, si conoscono dai tempi dei primi vagiti leghisti dell’ex ministro dell’Interno e sono stati fianco a fianco nel lungo percorso politico che ha portato un giovane sbarbato milanese alla guida del partito che, stando alle ultime elezioni europee e ai continui e costanti sondaggi quotidiani, è il preferito dagli italiani. Nonostante l’inchiesta sui fondi russi al Carroccio e alla trattativa del Metropol di Mosca su cui stanno approfondendo la Procura di Milano. Ma il tutto, il loro rapporto fermo e consolidato nonostante il primo istintivo passo di auto-protezione, è ben certificato.

LEGGI ANCHE > Il Riesame: «Savoini doveva trovare l’accordo in fretta, prima del voto per le Europee»

A raccontare la nascita di quello che poi divenne un rapporto da «compagni di merende» è stato Gigi Moncalvo, ex direttore de La Padania nel periodo in cui Matteo Salvini lavorava come giornalista, a Report (in onda questa sera con una puntata ad hoc, su Rai3). Nelle sue parole, oltre alla conferma di uno status di assenteista anche quando faceva il cronista, emerge il rapporto tra l’attuale segretario della Lega e quel Gianluca Savoini che sarebbe uno dei promotori di questa presunta (perché ancora non c’è un processo e una sentenza) trattativa con gli affaristi russi.

Il rapporto Savoini-Salvini raccontato da Moncalvo

E Moncalvo non parla solo del rapporto in redazione a La Padania, ma di quel che è diventato nel corso degli anni. Si fa riferimento al ruolo di portavoce messo nelle mani di Savoini dopo che Salvini venne proclamato segretario federale della Lega e del perché avesse scelto proprio lui, quell’uomo che qualche anno dopo sarebbe finito nel mirino della Procura con l’accusa di aver tentato di concludere una trattativa per finanziare il Carroccio con soldi russi attraverso un accordo privato sul petrolio.

Le icone naziste e i saluti ai “Camerata” in redazione

«Lo ha scelto perché gli doveva molto – ha detto Gigi Moncalvo davanti alle telecamere di Report -. Savoini ha impostato Salvini. È una sua creatura, lo ha formato come fosse una massa di argilla». Una sorta di deus ex machina che ha gestito, facendolo crescere, l’attuale segretario della Lega. E nell’intervista, l’ex direttore de La Padania non ha lasciato cadere nel vuoto neanche le immagini neonaziste in una delle stanze della sua redazione. E, anche lì, fa riferimento a Savoini e racconta di come salutasse con gli altri nei corridoi: «Batteva i tacchi a terra e salutava con un ‘Camerata’».

(foto di copertina: da anticipazione Report in onda lunedì 21 ottobre 2019)