Sanremo 2020, morsi, sputi e insulti: la lite tra Bugo e Morgan raccontata dai testimoni

di Federico Pallone | 08/02/2020

Sanremo 2020
  • Cosa è successo dietro le quinte di Sanremo 2020 tra Bugo e Morgan

  • Insulti, spintoni, minacce

  • Una quattro giorni di Festival piena di tensioni tra i due

Insulti, parolacce, morsi, sputi. A quanto pare la clamorosa lite tra Bugo e Morgan sul palco di Sanremo 2020 è solo l’ultimo episodio che si portava dietro numerosi strascichi pregressi. Come rivela Repubblica, infatti, i due già dalla prima serata del Festival hanno iniziato ad avere una diversità di vedute, poi sfociata nella figuraccia andata in scena ieri sera in mondovisione.

LEGGI ANCHE –> Bugo e Morgan già sapevano come sarebbe andata a finire: «Non so se riusciremo a rimanere amici dopo il Festival»

La ricostruzione della lite

Quello che è successo in diretta nel corso della quarta sera di Sanremo 2020 è ormai noto: Morgan ha cambiato il testo della canzone e Bugo ha abbandonato il palco. L’elemento che finora non era venuto fuori era cosa fosse successo dietro le quinte. «È successo tutto in fretta. Pochi secondi prima di entrare in scena. Morgan ha spiegato a Bugo che aveva intenzione di cambiare il testo. Bugo non aveva idea di che cosa avrebbe cantato quell’altro ma era evidentemente contrario. Gli ha detto di no, che non avrebbe dovuto nemmeno provarci. Morgan si è avvicinato minaccioso, ha perso la testa. E i due hanno cominciato a spintonarsi», rivela un testimone che ha assistito alla scena. «Era un corpo a corpo violento, si insultavano. Si sentivano le parolacce: pezzo di merda, stronzo. Noi eravamo preoccupati che i microfoni fossero accesi e si sentissero in diretta. Bugo ha sputato a Morgan, l’ho visto con i miei occhi, ma se ho capito bene era la reazione a un morso», dice.

Una quattro giorni di tensioni

Ma a quanto pare i litigi sono iniziati fin dal primo giorno, quando i due dovevano apprestarsi a cantare ‘Canzone per te’, pezzo scelto da Morgan. «Hanno litigato come cane e gatto per tutto il tempo delle prove», raccontano due testimoni. «Morgan voleva fare tutto, scrivere le partiture, dirigere l’orchestra, suonare il piano e cantare. Tutto. Bugo era perplesso. Ma alla fine non c’è stato verso e Morgan si è imposto». Il giorno prima delle prove, mercoledì notte, l’orchestra ha definito incomprensibile e insuonabile il lavoro di Morgan, il quale ha scritto una lettera ad Amadeus dicendo che non avrebbe partecipato alla puntata della cover poiché boicottato. Il presentatore è riuscito a rimediare e i due si sono esibiti, seppur in maniera pessima. Ospiti successivamente della trasmissione di Radio 2 con Gino Castaldo, Morgan ha accusato Bugo di irriconoscenza, in quanto il collega aveva cantato l’intera canzone e non solo la sua parte: « Senza di me tu qui non saresti mai arrivato», ha detto. Fino alla resa dei conti finale.

[CREDIT PHOTO: SCREENSHOT RAI 1]