Salvini e il «cortisone, per guarire collo e spalla»  

Matteo Salvini ha postato una foto che lo ritrae mentre assume del cortisone

di Ilaria Roncone | 27/09/2020

Matteo Salvini torna a condividere foto e notizie del suo stato di salute. Tutto è cominciato quando il leader leghista ha pronunciato queste parole sul palco di Formello: «Oggi la giornata non è partita benissimo, sono stato due ore attaccato al cortisone e quando mi sono alzato il medico mi ha detto: “lei adesso va a casa”. E io gli ho risposto si prima vado ad Anguillara Sabazia, poi a Formello e termino a Terracina. Ma la sera vengo a casa». Vista l’attuale situazione – l’emergenza Covid e le precise disposizioni qualora qualcuno dovesse presentare la febbre – sono in molti ad aver ritenuto inopportuno questo atteggiamento.
LEGGI ANCHE >>> Il medico aveva consigliato a Salvini di stare a casa perché «febbricitante», ma lui è andato lo stesso a Formello

Salvini cortisone: caffè in quello che sembrerebbe un ospedale

Dopo le polemiche scatenate, Salvini ha voluto precisare: «Mai avuta febbre, solo il torcicollo: il mio test è negativo». Tutto a posto, sembrerebbe, ma il leghista continua ad insistere sul suo stato di salute e posta un nuovo update.

«Caffè corretto…cortisone, per guarire collo e spalla»: la didascalia accompagna una delle tipiche foto del leader del Carroccio, che beve una tazzina di caffè con dietro uno scenario diverso dal solito. Se solitamente fa vedere i bei posti italiani in cui si trova – la maggior parte del tempo girando per la campagna elettorale – stavolta alle sue spalle si vede una flebo, il che porta a pensare che sia in un ospedale.

Le precisazioni di Salvini per i giornalisti

Matteo ha parlato di giornalisti “giornalisti” – tenendoci particolarmente a virgolettare – che usano «speculare e mentire sulla salute del prossimo». Questa foto con tanto di flebo, caffè e precisazione che si trova in ospedale per il cortisone sembra fatta apposta per tutti quelli che avrebbero speculato sulla sua salute ma che, alla fine dei conti, non hanno fatto altro che riportare quello che – se fosse vero – sarebbe un fatto grave: un politico (e chiunque) abbia la febbre – o dica di averla – in questo particolare periodo deve sempre e comunque rispettare le regole per evitare la propagazione del Covid che eventualmente potrebbe aver contratto.