Dopo le polemiche dei giorni scorsi, Salvini fa i complimenti a Favino per la Coppa Volpi

L'attore ha ottenuto il premio alla Mostra del Cinema di Venezia 77

di Redazione | 13/09/2020

Salvini complimenti a Favino

Era stato un botta e risposta tra le polemiche, nel corso dell’ultima settimana. Matteo Salvini era sbarcato a Venezia con Francesca Verdini per assistere alla proiezione di Padrenostro, l’ultimo film con Pierfrancesco Favino. Nella serata di ieri, proprio dal Lido di Venezia, è arrivata la notizia della vittoria della Coppa Volpi come miglior attore assegnata proprio a Favino che ha interpretato il padre del regista Claudio Noce, vittima di un attentato negli anni di piombo.

LEGGI ANCHE > Favino su Salvini alla proiezione del suo film: «Non l’ho invitato e non lo incontrerò»

Salvini complimenti a Favino per la vittoria della Coppa Volpi

Favino non era stato di certo contento della presenza di Matteo Salvini a Venezia in occasione della prima del suo film. Aveva detto di non averlo invitato e che il film non si sarebbe potuto prestare a nessuna strumentalizzazione. Il leader della Lega aveva risposto che non era sua intenzione strumentalizzare nessuno e che la sua presenza a Venezia era quella di un privato cittadino che aveva voglia di trascorrere una serata di cultura in Laguna.

Oggi, la notizia destinata a far aumentare una volta di più il livello della polemica è stata quella dei complimenti che Matteo Salvini ha rivolto all’attore. Attraverso il suo account Twitter, infatti, Salvini ha dichiarato: «Complimenti a Favino, al regista, a tutto il cast e ai produttori. Sono felice di aver assistito alla prima di un film bello e premiato come Padrenostro, viva l’Italia anche al cinema».

Il tweet è stato notato dagli utenti dei social network, che hanno subito ironizzato immaginando la reazione di Pierfrancesco Favino ai complimenti del senatore della Lega. Al momento, dopo la vittoria della Coppa Volpi, i commenti dell’attore sono tutti per il grande risultato (secondo lui inaspettato) ottenuto dalla pellicola. Su Salvini, invece, solo silenzio.