Favino su Salvini alla proiezione del suo film: «Non l’abbiamo invitato e non lo incontrerò»

A Venezia, è stata la serata di Padrenostro di Claudio Noce

di Gianmichele Laino | 05/09/2020

Salvini non parla

Alla 77ma mostra del Cinema di Venezia, è stata la serata di Padrenostro, il film di Claudio Noce il cui attore protagonista è Pierfrancesco Favino. Ma è stato anche il giorno dell’arrivo in Laguna di Matteo Salvini, insieme alla compagna Francesca Verdini: un arrivo condito anche da un bacio sul motoscafo e da battute sul red carpet. Tuttavia, Pierfrancesco Favino è stato molto secco sulla presenza del leader della Lega alla sua proiezione.

LEGGI ANCHE > Hammamet, l’intervista a Favino: «L’attore non parla di politica, ma la classe di Craxi aveva dedizione»

Favino parla della presenza di Salvini alla sua proiezione a Venezia

«Se è venuto – ha detto l’attore – è un buon segno, perché ha una grande capacità di selezionare gli eventi importanti a cui presenziare. Di certo noi non l’abbiamo invitato e non credo che lo incontrerò. Il nostro film, del resto, non è manipolabile, se proprio dobbiamo fare un discorso che riguardi il possibile uso politico della pellicola».

Di cosa parla il film Padrenostro che è stato visto da Salvini

Pierfrancesco Favino, infatti, è il protagonista di un film che racconta gli anni di piombo e non lo fa né dal punto di vista delle forze dell’ordine, né dal punto di vista dei militanti che hanno contribuito a creare il panico negli anni Settanta con i loro attentati di diversa portata. Padrenostro, infatti, è un racconto di quel tempo attraverso lo sguardo dei figli delle vittime: una vicenda particolarmente sentita dal regista Noce, il cui papà fu colpito da un attentato quando era vicequestore.

La risposta di Salvini a Favino

Dunque, nessuna possibilità di utilizzare il film a livello politico, nonostante la presenza di Matteo Salvini al Festival di Venezia. Il leader della Lega, interpellato dai cronisti sulla battuta fatta da Favino, ha risposto di sfuggita: «Non è mia intenzione manipolare niente e nessuno». Il leader della Lega non ha voluto insomma alimentare ulteriori polemiche dopo le parole dell’attore ed è andato via dopo la serata glamour in Laguna, sempre accompagnato da Francesca Verdini.

FOTO dall’account Twitter di Matteo Salvini e del suo arrivo a Venezia