Sallusti a ‘Otto e mezzo’: «Dichiararsi fascista non è reato» | VIDEO

di Enzo Boldi | 07/05/2019

Sallusti a Otto e Mezzo
  • Ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo, su La7, Alessandro Sallusti ha rilasciato alcune dichiarazioni controverse

  • Ha prima detto che dichiararsi fascisti non è un reato e che lo è solo ricostituire il partito

  • Ha poi paragonato il duetto Salvini-Altaforte alla scelta di D'Alema di affidarsi a Mondadori

Alessandro Sallusti ha partecipato, come spesso gli capita, alla trasmissione Otto e Mezzo di Lilli Gruber, in onda ogni sera dopo il Tg di La7. Parlando del caso della casa editrice Altaforte, molto vicina a CasaPound e il cui titolare ha confermato la sua visione nostalgia del fascismo, ha detto che non ci vede nulla di male nella scelta di Chiara Giannini – l’autrice del libro-intervista sul leader della Lega – di affidarsi all’editore del movimento neofascista e che, comunque, non c’è nulla di male a dichiararsi fascisti.

Anzi, il direttore de Il Giornale ha anche rincarato la dose dicendo che chi protesta contro la presenza di Altaforte al Salone del Libro di Torino, è fascista. Il motivo è questo: «È fascista chi si non lascia libertà di opinione». Un cortocircuito. Se essere fascisti non è reato – anche se la legge Mancino del 1993 dice ben altro, dato che punisce «l’esaltazione di esponenti, principi, fatti o metodi del fascismo» – non può essere criticato neanche chi si oppone alla presenza della casa editrice vicina a CasaPound.

Sallusti e il paragone Salvini-Altaforte e D’Alema-Mondadori

Poi, a fine trasmissione, ha provato a fare un paragone tra la scelta editoriale attorno al libro-intervista a Matteo Salvini e quella fatta in passato da Massimo D’Alema: «Perché si fa tutta questa polemica su Altaforte e nessuno dice nulla su D’Alema che scelse Mondadori per pubblicare i suoi libri». Un paragone non calzante, come sottolineato anche dalla conduttrice e dagli altri due ospiti di serata – Antonio Padellaro e Donald Sassoon -, data la grandezza e il rilievo tra i due editori che non può essere minimamente paragonabile. Inoltre, Altaforte si è dichiarata esplicitamente fascista e nostalgica, così come chi la guida.

(foto di copertina: da diretta Otto e Mezzo, La7)