Salisburgo, manifestanti chiedono a Mattarella la libertà per Carola Rackete

di Federico Pallone | 02/07/2019

Sergio Mattarella
  • Un gruppo di manistefanti ha organizzato un sit-in durante la visita del presidente della Repubblica in Austria

  • Tutti hanno chiesto la liberazione di Carola e hanno urlato slogan in italiano

  • Non sono mancati attacchi a Salvini

Una manifestazione per la liberazione della comandante della Sea Watch, Carola Rackete, è avvenuta a Salisburgo, città austriaca al confine con la Germania, sotto la casa natale di Mozart, dove si trova in visita Sergio Mattarella. Il presidente della Repubblica italiana è passato davanti al sit-in insieme al capo dello stato austriaco Alexander Var der Bellen che lo ha accompagnato durante tutta la visita. Circa una quarantina di attivisti locali si sono radunati all’ingresso del sito storico, urlando slogan come ‘Libertà per Carola‘ e ‘Antifascismo‘, rigorosamente in italiano.

LEGGI ANCHE > Mattarella dice che salvare vite in mare dà lustro all’Italia

Un cordone di Polizia ha controllato la pacifica manifestazione. Diversi anche gli slogan contro il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

I manifestanti a Mattarella: «Salvini non può fare politica sulla pelle delle persone»

La manifestazione è poi proseguita nei vicoli della vecchia Salisburgo, dove il presidente Mattarella, uscito dalla casa natale di Mozart, ha fatto una passeggiata. Gli attivisti, molti dei quali ambientalisti, lo hanno seguito con striscioni e slogan come #freeCarola o ‘Shame on you Salvini’.

View this post on Instagram

Zehn Jahre Haft. Das könnte der deutschen Kapitänin Carola Rackete drohen. Der Vorwurf lautet «Widerstand und Gewalt gegen ein Kriegsschiff». Beamte der italienischen Zoll- und Steuerpolizei hatten Rackete daran hindern wollen, die Hafenblockade zu durchbrechen. Beinahe wäre es zum Zusammenprall gekommen, wofür sich Rackete später entschuldigte. Deutsche Politiker fordern ihre Freilassung, Salvini allerdings kontert die Kritik aus Deutschland.❓Und wie ist deine Meinung? Bist du im Team #freecarolarackete? ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ Link in der Bio: bit.ly/RacketeGericht ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ Photo credit: Keystone ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ #tagesanzeiger #TANews #seawatch3 #rackete #carolarackete #freecarolarackete #meer #helfen #help #italien #italy #deutschland #haft #gericht #salvini #politik #schiff #boot #migranten #lampedusa #free #freecarolarackete

A post shared by Tages-Anzeiger (@tagesanzeiger) on

La protesta non è ovviamente diretta alla figura del presidente della Repubblica ma al governo italiano, al quale si chiede l’immediata liberazione della comandante tedesca Carola Rackete. «Non è ammissibile pensare di fare politica, come fa Matteo Salvini, sulla pelle degli esseri umani», ha spiegato una manifestante. «È assurdo che finisca in galera chi salva le vite umane», gli ha fatto eco la sua vicina. «A Mattarella chiediamo di parlare con Salvini e di convincerlo a liberare Carola. Sono persone come lei che fanno la storia dell’Europa», dicono in molti.

[CREDIT FOTO: ANSA/FINZI]