Rivelazione a Report: «La Lega scelta perché ha un livello socioculturale molto basso»

22/10/2019 di Enzo Boldi

Report

È stata una puntata piena di rivelazioni e di pezzi di un puzzle che si uniscono alla perfezione, restituendo un’immagine abbastanza preoccupante per chi – credendo nel sovranismo – si è lasciato incantare dai gesti, dalle parole e dai proclami della Lega. A Report, infatti, sono state mandate in onda diverse interviste per approfondire e tirare le fila sul caso dei presunti fondi russi al Carroccio. La presunta – per il momento – trattativa portata avanti da Gianluca Savoini – ex portavoce di Matteo Salvini – all’hotel Metropol di Mosca sembra essere, però, solamente un ago in un pagliaio di contatti che non riguardano solo il partito fondato da Bossi, ma un vero e proprio sistema in cui la Lega avrebbe solamente il ruolo del cavallo di Troia.

LEGGI ANCHE > Moncalvo a Report: «Salvini è stato plasmato da Savoini. È una sua creatura» | VIDEO

Le indagini della procura di Milano proseguono con l’accusa nei confronti di Gianluca Savoini – ma anche Gianluca Meranda e Francesco Vannucci – di corruzione internazionale. In attesa che la giustizia faccia il proprio corso e verifichi l’effettiva esistenza di una trattativa (che comunque, alla fine, è saltata) con gli affaristi russi, Report è entrata in contatto con alcuni protagonisti principali o secondari di questa vicenda che sembra essere molto più ampia di quei presunti 65 milioni di euro.

La puntata di Report sui contatti con la Russia

Tra di loro c’è l’oligarca russo Konstantin Malofeev: uno zarista, ricco e potente, che sostiene Putin e che è diventato un grande fan di Matteo Salvini. Una persona che ha idee di questo tipo (come ribadito a Report): i gay sono sodomiti, oppure «l’uomo deve guadagnare più soldi perché la donna non deve lavorare ma rimanere a casa per procreare». 

La Lega debole culturalmente

E nel tempo ci sono stati tantissimi incontri tra la Lega (e Matteo Salvini) e l’oligarca russo. Quando il giornalista ha provato a chiedere al leader del Carroccio di spiegare i motivi di questi contatti, il senatore ha risposto che gliene avrebbe parlato in un’altra occasione più tranquilla. Ma quell’intervista, poi, non venne mai concessa. Sta di fatto che i russi non sembrano avere una grande considerazione della Lega e del suo elettorato.

Alla domanda sul perché avessero scelto proprio il Carroccio come sponda italiana, Maurizio Murelli – numero uno della fondazione Orion – dà la seguente risposta: «Perché debole culturalmente quindi più facile da infiltrare/affiliare». E, in tutto questo mare magnum, lo stesso oligarca Malofeev conferma come Savoini gli avesse parlato di questa trattativa a base di petrolio con gli affaristi russi.

(foto di copertina: da profilo Twitter di Report, Rai3)

Share this article