Reddito di cittadinanza, a rischio il pagamento di ottobre

di Gaia Mellone | 07/10/2019

Reddito di cittadinanza, a rischio il pagamento di ottobre

A rischio il pagamento del mese di ottobre del reddito di cittadinanza per 500mila beneficiari. A lanciare l’avvertimento è l’Inps che invita a integrare la richiesta presentata a marzo entro il 21 ottobre in modo da completare quanto richiesto e previsto dalle modifiche introdotte con il decreto di attuazione.

Reddito di cittadinanza, a rischio il pagamento di ottobre

LEGGI ANCHE> Raimondo Etro a La Zanzara: «Prendo il reddito di cittadinanza e non me ne frega un c****»

C’è tempo fino al 21 ottobre per presentare la documentazione aggiuntiva da integrare alla richiesta presentata lo scorso marzo: altrimenti si rischia di non prendere il reddito di cittadinanza del mese di ottobre. È l’avvertimento spedito via sms dall’Inps a poco più di 500mila percettori del reddito e della pensione di cittadinanza che avevano presentato richiesta lo scorso marzo. La documentazione aggiuntiva serve per integrare il modulo delle prime richieste, poi aggiornato il 2 aprile recependo le modifiche apportate dalla legge di conversione. Ora, a sei mesi di distanza, scadrà il periodo transitorio previsto per integrare le domande presentate il 6 marzo: in particolare bisogna, specifica l’istituto di previdenza, integrare nella documentazione esistente il protocollo della pratica Rdc/Pdc , il codice fiscale e il codice alfanumerico ricevuto via mail/sms.

(Credits immagine di copertina. . ANSA/ANGELO CARCONI)