A Bibbiano, dove si è parlato di famiglia, il Popolo della Famiglia ha preso due voti

di Redazione | 27/01/2020

Popolo della Famiglia
  • Il Popolo della Famiglia ha fatto campagna elettorale sul caso di Bibbiano

  • Ma nel paese del Reggiano ha preso solo due voti

  • In Emilia-Romagna, complessivamente, il risultato è stato deludente

A Bibbiano – così come in gran parte dell’Emilia-Romagna -, il tema principale delle elezioni regionali è stato quello della famiglia. La narrazione del Partito di Bibbiano, il cartellone «giù le mani dai bambini», la rappresentazione del Pd come parte del sistema sotto inchiesta dei presunti affidamenti illeciti sono stati tra i momenti più rilevanti della campagna elettorale. A questo punto, anche Mario Adinolfi – che si è presentato alle elezioni in sei province su nove a sostegno di Lucia Borgonzoni -, leader del Popolo della Famiglia, non poteva non insistere su questa propaganda.

LEGGI ANCHE > Gli insulti social ai cittadini di Bibbiano: «Vi piace farvi rubare i bambini»

Il partito di Mario Adinolfi a Bibbiano ha preso solo due voti

«Altro che raffreddore – ha detto Adinolfi in campagna elettorale commentando le vicende su Bibbiano -, quello è un sistema malato altrimenti non ti trovi con i diavoli della Bassa dove ci sono i genitori suicidi e i preti morti e, dopo 20 anni, non ti ritrovi un caso come Bibbiano. Lì c’è un sistema malato che è figlio di un’ideologia antifamilista che io rintraccio in tutte le ultime scelte di governo di Bonaccini».

Logico, quindi, per il Popolo della Famiglia, aspettarsi un risultato rilevante nel comune del Reggiano. E invece si è accodato al pessimo risultato delle forze sovraniste a Bibbiano. Il Popolo della Famiglia, infatti, è riuscito a racimolare soltanto due voti. Un risultato negativo che è stato riconosciuto dallo stesso Mario Adinolfi, che ha riconosciuto la sconfitta in Emilia-Romagna, pur ricordando come «migliaia di persone abbiano scelto il Popolo della Famiglia».

In totale, Mario Adinolfi ha dato un contributo dello 0,3% alla coalizione di centrodestra, accumulando settemila voti circa nelle sei province in cui si è presentato. Ma a Bibbiano la linea non è passata. Il messaggio non è stato raccolto: il Pd è stato il primo partito e Stefano Bonaccini ha ottenuto un risultato di rilievo.