Impiegato dell’Aeronautica uccide moglie e figlia. Poi si spara

14/11/2019 di Enzo Boldi

Tragedia nelle notte a Orvieto (in Umbria). Un uomo, dipendente presso l’aeronautica militare, ha ucciso sue moglie e sua figlia all’interno dell’abitazione in cui viveva insieme alla due donne. Dopodiché, secondo le ricostruzioni fatte dagli uomini dell’Arma, il 66enne avrebbe rivolto la pistola contro di sé togliendosi la vita. Ancora ignare le cause che hanno portato a questo gesto e gli inquirenti indagano su una possibile recente storia clinica fatta di problemi psichici.

LEGGI ANCHE > L’eurodeputata di Forza Italia Lara Comi è stata arrestata

A trovare i corpi riversi a terra senza vita è stato il fratello dell’uomo che, rientrando in casa intorno all’una di questa notte, ha immediatamente dato l’allarme. Le due donne si trovavano in due stanze diverse, così come il 66enne che – secondo le prime indiscrezioni – avrebbe deciso di portare avanti questo suo folle piano di omicidio-suicidio a Orvieto. La loro abitazione si trova nei pressi di vico Sant’Antonio, nel pieno centro della cittadina umbra, a pochi passi dalla stazione e Comando della compagnia dei Carabinieri.

Orvieto, uomo uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

L’uomo, il 66enne C. C., soffrirebbe di problemi psichici da diverso tempo. In un raptus di follia avrebbe rivolto la propria pistola – ancora non è chiaro se detenuta legalmente – prima contro la figlia 34enne che si trovava nella sua camera da letto. Poi si sarebbe spostato nella stanza in cui si trovava sua moglie (67 anni) e l’avrebbe colpita con la stessa arma che, qualche istante, ha deciso di rivolgere contro se stesso sparandosi alla testa.

L’ipotesi omicidio-suicidio

L’arma del delitto è stata trovata al fianco dell’uomo riverso a terra in una pozza di sangue. I Carabinieri di Orvieto stanno valutando la storia di questo uomo e della famiglia, interrogando il fratello che ha dato l’allarme, i loro parenti e vicini di casa.

(foto di copertina: da Google Maps, Caserma dei Carabinieri di Orvieto)

Share this article
TAGS
window._taboola = window._taboola || []; _taboola.push({ mode: 'thumbnails-b', container: 'taboola-below-article-thumbnails', placement: 'Below Article Thumbnails', target_type: 'mix' }); -->