Allarme Covid negli Usa: “La seconda ondata è già qui”

Secondo gli esperti gli oltre 50mila casi al giorno dimostrano che gli Stati Uniti sono di nuovo vittima del virus con il rischio di nuovi morti e di migliaia di sopravvissuti con complicazioni gravi

di Redazione | 14/10/2020

ondata Covid negli Usa

È allarme per la seconda ondata Covid negli Usa. I recenti aumenti di casi negli States, con i nuovi positivi che anche oggi hanno superato quota 51mila, fanno crescere il timore di una nuova ondata del virus che rischia di travolgere gli ospedali e uccidere altre migliaia di americani entro gennaio 2021 e lasciare anche tantissimi giovani con complicazioni di salute a lungo termine.

LEGGI ANCHE > Le vittime di Covid negli Usa oltre quota 200mila, Trump “È una vergogna”

La seconda ondata Covid negli Usa parte nel Nord del Midwest

A lanciare l’allarme sulla seconda ondata Covid negli Usa è il preside della National School of Tropical Medicine del Baylor College of Medicine, Peter Hotez, per il quale dopo il punto più basso dei primi di settembre con 30-35mila casi al giorno adesso “siamo tornati oltre i 50mila casi al giorno “e si continua a salire”. Una seconda ondata che sta colpendo principalmente nel Nord del Midwest e negli Stati del Nord in generale, con Wisconsin, Montana e i due Dakota colpiti in maniera particolarmente dura anche se, spiega Hotez “presto si estenderà all’intero Paese”. E infatti sono ben 30 gli Stati in tutto il Paese che hanno riportato un incremento dei casi nel corso della scorsa settimana con il Dr. Anthony Fauci, il membro della task force dell Casa Bianca sul Covid, che si dice certo che questi dati predicono un forte aumento di dati nei prossimi giorni.

Con la nuova ondata Covid negli Usa ben 13 Stati oltre il 10%

A sancire la nuova ondata Covid negli Usa sono i dati del COVID Tracking Project che riportano una media di positività in tutto il Paese del 5.1%, quando per Fauci non dovrebbe superare il 3% e sarebbe ottimale all’1%. Sono però ben 13 gli Stati dove la media dei positivi supera addirittura il 10%, ovvero Alabama, Florida, Iowa, Idaho, Indiana, Kansas, Montana, Nebraska, Nevada, Sud Dakota, Utah, Wisconsin e Wyoming.

TAG: Covid-19