Cosa c’è di positivo e cosa di negativo nei dati sul coronavirus del 9 giugno

di Ilaria Roncone | 09/06/2020

La situazione coronavirus continua a essere stabile e monitorata, con lo spuntare di qualche focolaio locale che viene immediatamente contenuto. Rimane imperativo tenere alta la guardia, avendo cura di indossare la mascherina quando si creano assembramenti. I numeri coronavirus 9 giugno restituiscono un numero di decessi che oggi si ferma a 79, portando il numero del totale morti coronavirus in Italia da inizio pandemia a 34.043. Gli attualmente positivi sono pari a 32.872 persone. I Dimessi/Guariti sono 2.062, per un totale di 168.646. I nuovi casi coronavirus della giornata di oggi sono 283 (+0,1%), dato che porta il totale dei contagiati da coronavirus nel nostro paese dall’inizio dell’emergenza a 235.561. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 55.003 tamponi, numero che porta il totale a 4.318.650.

 

 

LEGGI ANCHE >>> Cosa c’è di positivo e cosa di negativo nei dati sul coronavirus dell’8° giugno

Numeri coronavirus 9 giugno, cosa c’è di positivo

Anche oggi assistiamo a un cospicuo decremento delle persone ricoverate in terapia intensiva, con il dato che scende di ben 20 unità. Gli indicatori del contagio sono ai minimi (tutti tranne quello relativo ai decessi, che invece fatica a calare). Oggi si rileva un positivo ogni 114 persone testate per un rapporto pari allo 0,9%. Il numero di nuovi casi registrato, anche se simile a quello di ieri, è positivo poiché oggi sono stati effettuati oltre 55 mila tamponi contro gli appena 27 mila 112 di ieri.

Numeri coronavirus 9 giugno, cosa c’è di negativo

I numeri della Lombardia sono alti oggi: 192 casi (oltre il 67% del totale) con circa 10 mila tamponi. A Milano si registrano 17 nuovi positivi mentre a Bergamo 52. Oggi aumenta il numero di morti, che passa dai 65 di ieri ai 79 di oggi segnando un +0,2% delle vittime. Il numero delle vittime ha superato ormai le 34 mila persone. Tornano purtroppo a registrarsi tre nuovi contagi tra Molise e Basilicata, le regioni meno colpite e che più a lungo erano rimaste senza persone infettate.

(Immagine copertina dal profilo Twitter YouTrend)