I probiviri hanno deciso le nuove espulsioni dal Movimento 5 Stelle

di Gaia Mellone | 29/01/2020

Dopo quella che pare essere stata una riunione “fiume” nella capitale, i probiviri del Movimento 5 stelle hanno emesso sentenza. La decisione finale riguarda i ritardatari dei pagamenti che verranno espulsi dal movimento, anche se sono già passati ad altre fazioni.

I probiviri hanno deciso le nuove espulsioni dal Movimento 5 Stelle

LEGGI ANCHE> Il Movimento 5 Stelle si è sciolto come il nodo della cravatta di Di Maio

Poco importa se il Movimento 5 Stelle l’hanno già lasciato: le vittime delle nuove espulsioni decise dai probiviri pentastellati sono i ritardatari nei pagamenti. Sul versamento della restituzione di parte del salario in un conto intestato all’ormai ex leader politico dei 5 stelle si era discusso molto, tanto che diversi parlamentari avevano abbandonato. Non solo questioni di soldi, ma anche di ideali, gestione del movimento stesso, assenza di dialogo interno e tradimento per le alleanze. I motivi che hanno spinto molti parlamentari a lasciare sono stati molteplici, ma i probiviri ora mettono un punto. Ad essere espulsi saranno, secondo alcune indiscrezioni riportate dal Corriere, i deputati Angiola, Aprile, Cappellani, Nitti e Rospi che nelle scorse settimane erano passate al gruppo misto, e altri due parlamentari. Per ora si tratta di ipotesi, poiché non c’è stata ancora comunicazione ufficiale.

(Credits immagine di copertina; facebook MoVimento 5 Stelle