Aboubakar Soumahoro si autoinvita agli Stati Generali, nel nome di Mohammed Ben Ali

di Gianmichele Laino | 13/06/2020

morte Mohamed Ben Ali

L’immagine è potentissima. Aboubakar Soumahoro, sindacalista da sempre in prima linea per i diritti dei braccianti sfruttati dai caporali, si è inginocchiato, insieme a tanti altri rappresentati di questo tipo di lavoro, sul luogo del rogo della baraccopoli di Borgo Mezzanone, in provincia di Foggia. Qui, nei giorni scorsi, aveva perso la vita Mohammed Ben Ali, senegalese di 37 anni, sorpreso nella notte da uno dei soliti incendi divampati nelle baraccopoli.

LEGGI ANCHE > La gentilezza di Aboubakar Soumahoro contro la disinformazione

Morte Mohammed Ben Ali, la rivendicazione del sindacalista Soumahoro

La sua morte non può essere accettata, come tante altre di questo stesso tenore. Per questo, il sindacalista in rappresentanza dei braccianti non soltanto ha compiuto il gesto che tutti, nel mondo, stanno associando alla protesta del Black Lives Matter seguita alla morte del 46enne nero George Floyd, ucciso dalla polizia di Minneapolis. Ha anche annunciato di essersi autoinvitato agli Stati Generali che Giuseppe Conte ha fortemente voluto e che sono iniziati oggi a Villa Pamphili a Roma.

«Addio Mohamed Ben Ali, la tua vita contava – ha scritto su Twitter -. Il Governo non ha ascoltato il tuo dolore, porteremo il tuo grido a Roma. Ci auto-inviteremo agli Stati Generali, perché l’economia italiana si poggia anche sulla fatica di noi invisibili. Riposa in pace».

Negli ultimi giorni, nel decreto Rilancio, il ministro Teresa Bellanova aveva inserito le procedure per la regolarizzazione dei braccianti agricoli. Una misura che i sindacalisti guidati da Soumahoro non hanno ritenuto sufficiente a sanare le posizioni dei migranti, troppo spesso sfruttati. I dati in possesso di Soumahoro, infatti, dicono che il 90% dei braccianti sarà escluso dalla regolarizzazione. La richiesta avanzata, invece, è quella di subordinare la sanatoria all’emergenza sanitaria, svincolandola al contratto di lavoro. Nel nome di Mohamed Ben Ali e con questa rivendicazione scritta nero su bianco, Aboubakar Soumahoro si metterà in viaggio per Roma, destinazione Stati Generali.

TAG: caporalato