Morra difende il M5S: “La maturità non è un passaggio semplice”

Il presidente pentastellato dell'Antimafia parla a DiMartedì della situazione del Movimento

di Redazione | 14/10/2020

Morra sul M5S

I Cinquestelle stanno diventando maturi. È questa la spiegazione di Nicola Morra sul M5S a DiMartedì per le recenti difficoltà capitate negli ultimi anni al Movimento che solo nel marzo era stata la forza politica più votata d’Italia.

LEGGI ANCHE > M5S contro Casaleggio per un post sul Blog delle Stelle

Morra sul M5S difende le difficoltà

Ospite del programma di La7 condotto da Giovanni Floris, Nicola Morra sul M5S difende le mosse del  movimento spiegando che “non è in crisi” ma “sta vivendo una fase di transizione”. Per il presidente della commissione Antimafia infatti M5S “sta crescendo” e le difficoltà che incontra sono dovute al fatto che “l’acquisizione della maturità non è un passaggio semplice”. Una posizione che non impedisce però a Morra ammettere che i Cinquestelle devono “recepire le istanze che ci arrivano dalla società”. Un esempio potrebbe essere la legge sul conflitto di interessi, una delle “battaglie fondamentali” del Movimento fin dalle sue origini come sottolinea Morra, che risponde alla domanda di Concita De Gregorio sulla delusione degli elettori pentastellati ricordando che la legge M5S sul tema per evitare che nel campo dell’editoria “ci siano incroci perversi e pericolosi” è quasi pronta e che l’obiettivo dei parlamentari M5S deve essere quello di “portare a casa il risultato” perché, spiega Morra sul M5S, “le rivoluzioni non si fanno in una settimana”. E sulle accuse che i parlamentari a Cinque Stelle siano nati come anti casta e adesso ne siano diventati parte integrante, Morra ribatte: “Non mi sento affatto casta”. E per dimostrarlo racconta ai giornalisti presenti in studio che “quando posso vado a fare la spesa con mia moglie” spiegando che “è giusto che l’uomo politico sappia il prezzo del chilo di pasta o del litro di latte” o che vada alla posta come un qualunque cittadino per capire come si vive fuori dal Palazzo e quali sono le sfide della gente comune.