Giovane militante del Pd aggredita mentre distribuiva volantini a Modena

di Gaia Mellone | 22/01/2020

Giovane militante del Pd aggredita mentre distribuiva volantini a Modena

Una giovane militante del Partito Democratico è stata aggredita a Modena mentre stava distribuendo dei volantini. Un uomo le si è avvicinato, l’ha spinta a terra e le ha sputato addosso. La ragazza è stata portata in pronto soccorso, dove le è stata diagnosticata una prognosi di cinque giorni. Un gesto violento che fortunatamente non l’ha gravemente ferita ma la ragazza era molto spaventata da quanto accaduto.

Giovane militante del Pd aggredita mentre distribuiva volantini a Modena

LEGGI ANCHE> C’era una volta l’Emilia Rossa: la corsa dei partiti in 50 anni di elezioni

A raccontare quanto accaduto è stata Giulia Mancuso, una amica della ragazza presente al momento dell’aggressione, durante una conferenza stampa organizzata nella sede del Pd di Modena. Con lei c’erano i segretari locali del partito Andrea Bortolamasi e Davide Fava, che hanno puntato il dito contro «il clima d’odio che sta avvelenando anche questa campagna elettorale, come più volte abbiamo segnalato». Fava in particolare ha incalzato dicendo che «l’abbiamo già vista una politica così, c’erano i manganelli e le camicie nere. Non condanno la fragilità di chi compie questi gesti, ma la politica che istiga».

La condanna di Nicola Zingaretti: «Una aggressione vile»

Una forte condanna è arrivata anche dal segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti che ha definito l’aggressione come «vile». Con un post su Facebook Zingaretti ha detto di aver sentito telefonicamente la giovane «per accertarmi delle sue condizioni dopo la vile aggressione subita mentre stava volantinando per Stefano Bonaccini a Modena». «A lei va un grande abbraccio da parte di tutta la comunità del Pd – ha aggiunto Zingaretti nel post – e un ringraziamento a tutti i giovani democratici che sono impegnati, porta a porta, nelle scuole, nelle strade dell’Emilia-Romagna per vincere le elezioni e per difendere il buongoverno della regione».

La dinamica dell’aggressione della giovane del Pd a Modena

È accaduto intorno alle 11 nella zona di San Faustino, ha raccontato Mancuso: la ragazza stava distribuendo un fac-simile della scheda elettorale. «Mentre lei stava procedendo all’inserimento dei volantini nelle buche della posta, dopo essere stata fatta entrare da una signora al citofono, un signore le è andato incontro – ha dichiarato Mancuso –  E, quando ha capito cosa stava facendo e in particolare quando ha visto il logo Pd sul volantino, ha aggredito la ragazza spingendola fuori con violenza, tra sputi in faccia, bestemmie e insulti vari verso lei e verso il partito». Nella colluttazione la gamba della ragazza è rimasta incastrata nella porta, causandole forti dolori al ginocchio.

(Credits immagine di copertina:Facebook PD Modena)