A Minneapolis, ormai, la situazione è fuori controllo | VIDEO

di Redazione | 28/05/2020

  • A Minneapolis, il 25 maggio, è stato ucciso da 4 agenti di polizia il 46enne nero George Floyd

  • L'episodio è stato derubricato a "incidente medico" e sono scattate numerose proteste in strada

  • Al momento, però, queste proteste si stanno trasformando in veri e propri disordini

Le proteste per la morte di George Floyd a Minneapolis si sono trasformate in veri e proprio disordini  e atti vandalici. Dopo l’episodio che ha visto coinvolti quattro agenti di polizia di Minneapolis, che hanno fermato il 46enne nero per un assegno falso, immobilizzandolo con un ginocchio sul collo e causandone la morte per asfissia («I can’t breathe» – continuava a ripetere Floyd con un filo di voce, mentre la polizia continuava a usargli violenza), la popolazione si è riversata in strada per protestare contro quanto era accaduto. Del resto, nonostante il licenziamento dei quattro agenti, la polizia aveva derubricato il caso a ‘incidente medico’.

LEGGI ANCHE > La famiglia di George Floyd accuserà i quattro poliziotti di omicidio

Minneapolis, gli scontri dopo la morte di George Floyd

Questo ha scatenato la rabbia di migliaia di persone che, attualmente, stanno mettendo a ferro e fuoco la città. Dai primi cortei, con cartelli, cori e slogan di protesta, si è passati direttamente agli atti vandalici. Un disagio che è emerso con prepotenza, scatenato da un gesto gravissimo dell’abuso delle autorità su un uomo che è stato immobilizzato con forza e poi ucciso in seguito al fermo violento.

Nelle immagini che si stanno diffondendo a macchia d’olio attraverso i social network, si vedono supermercati e maxistore presi d’assalto da persone che entrano sfondando le vetrine e saccheggiando gli scaffali, si vedono casse per il contante prese d’assalto a martellate. La situazione è ormai completamente fuori controllo.

Il messaggio del sindaco di Minneapolis

Inutile il tentativo di mediazione del sindaco di Minneapolis, Jacob Frey, che in un suo discorso ha sottolineato come il fatto di essere nero negli Stati Uniti non dovrebbe rappresentare una condanna a morte. Pertanto, il primo cittadino si era mostrato solidale con le proteste nel Paese che, però, in queste ore hanno preso una piega inaspettata.

Nelle ultime ore sono state presi d’assalto anche istituti bancari e nella notte si sono sviluppati incendi e altri atti vandalici.