Laura Castelli si congratula con Di Maio per «l’ottimo lavoro» fatto in Libia

di Ilaria Roncone | 24/06/2020

Luigi Di Maio, come aveva anticipato a Porta a Porta, si è recato in Libia in questi giorni. Gli obiettivi del ministro degli Esteri erano chiari: «Garantire i nostri interessi geostrategici, assicurare l’unità del paese e fare in modo che si arrivi alla cessazione di questo conflitto». Nelle intenzioni di Di Maio c’era anche quella di scendere a patti per la modifica del memorandum del 2017 fra Italia e Libia. Oggi il premier libico Fayez al-Sarraj ha messo nelle man di Di Maio una serie di proposte per la modifica e, secondo fonti vicina al ministro, si tratterebbe di intenzioni che assecondano le richieste dell’Italia.

LEGGI ANCHE >>> Luigi Di Maio a Tripoli per il memorandum sui migranti: è il primo dopo la conferenza di Berlino

Le congratulazioni di Laura Castelli a Luigi Di Maio per il memorandum

Anche se probabilmente è un po’ troppo presto per parlare, il Sottosegretario al Ministero dell’economia e delle finanze in quota 5 stelle Laura Castelli ha ringraziato il ministro degli Esteri perché «L’Italia torna ad avere un ruolo centrale in Libia e nella politica estera» come «dimostra la risposta libica sulla modifica del memorandum, come richiesto dal nostro Paese». Stando a quanto riportato da fonti vicine a Di Maio la Libia «si impegna nell’assistere i migranti salvati nelle loro acque, a vigilare sul pieno rispetto delle convenzioni internazionali attribuendo loro protezione internazionale così come stabilito dalle Nazioni Unite».

«Volontà della Libia di applicare i diritti umani»

Rispetto alle modifiche che la Libia vorrebbe apportare Di Maio è stato chiaro: «Si va in una giusta direzione, con la volontà della Libia di applicare i diritti umani». Cominceranno il 2 luglio i negoziati per modificare il memorandum, afferma il ministri degli Esteri, che ci tiene a precisare anche come il dialogo non si sia «mai interrotto, anche nelle fasi più drammatiche del Covid-19. . La Libia è una priorità della nostra politica estera e della sicurezza nazionale».