Gasparri dice che con le Sardine siamo «ai grillini dei grillini»

di Gianmichele Laino | 09/12/2019

Maurizio Gasparri
  • Maurizio Gasparri è intervenuto ad Agorà

  • Il senatore di Forza Italia ha commentato il movimento delle sardine

  • Ha detto che sono "i grillini dei grillini"

Non è bastato l’endorsement di Francesca Pascale al movimento delle Sardine per far cambiare idea al senatore Maurizio Gasparri di Forza Italia. Quest’ultimo, ospite del programma Agorà su Raitre, ha voluto dire la sua su questo vasto movimento popolare che, da ormai un mese, riempie le piazze di tutta Italia, partendo dalla regione Emilia-Romagna, dove il prossimo 26 gennaio si celebreranno le elezioni regionali.

LEGGI ANCHE > Alla sardina Mattia Santori viene servito un piatto di sardine in diretta

Ecco come la pensa Maurizio Gasparri sul movimento delle sardine

Per Maurizio Gasparri, lo spazio del centro-destra non è quello occupato dalle sardine. «Il centrodestra – ha affermato il senatore – non guarda in maniera interessata al movimento delle Sardine. Il centrodestra semplicemente sta da un’altra parte, anche se le sardine sono un bell’esempio di partecipazione democratica e pacifica».

Tuttavia, Gasparri dà un’altra visione che secondo lui combacia con la presenza delle sardine in piazza: «Sono una risposta fisiologica alla crisi del PD, ma anche dei grillini. Siamo ai grillini dei grillini. La spinta popolare dei grillini si è esaurita».

Dunque, Gasparri non condivide l’apertura di alcuni esponenti di centrodestra o (come nel caso della Pascale) di personalità vicine ai vertici di Forza Italia nei confronti del movimento delle sardine. Anzi, coglie l’occasione per attaccare, non senza qualche accenno polemico, tutte quelle forze politiche che non hanno saputo concentrare l’attenzione di un elettorato che adesso si sta sovrapponendo sempre di più con il popolo delle sardine.

Per Mattia Santori, inoltre, non risparmia una frecciatina: «Se poi il ragazzo non resisterà alla tentazione di un seggio, si perderà anche la spinta propulsiva che ha portato le persone in piazza».