Ma non doveva essere una manifestazione senza assembramenti e a distanza?

di Enzo Boldi | 02/06/2020

multe Meloni

Doveva essere una manifestazione per pochi intimi e senza assembramenti. Ma le immagini che arrivano da Piazza del Popolo, a Roma, sembrano andare in un’altra direzione. E così, tra una richiesta di selfie e l’altra, ecco che alle spalle di Giorgia Meloni – prima promotrice dell’evento a cui hanno aderito anche Lega e Forza Italia – si sono formati i classici (e inevitabili, nonostante le raccomandazioni della stessa leader di Fratelli d’Italia) capannelli di persone accalcate in attesa di potersi scattare una foto con lei. La manifestazione Centrodestra a Roma, come prevedibile, non riesce a mantenere le distanze (nonostante l’impegno).

LEGGI ANCHE > Meloni, Salvini e la corona di fiori al milite ignoto «alternativa» a quella di Mattarella il 2 giugno

Il tutto è stato immortalato dalle telecamere di AgTw, per il Corriere della Sera, che stanno riprendendo in questi minuti i primi momenti della manifestazione centrodestra a Roma. Nei video si mostrano persone accalcate – non a livello della manifestazione dei Gilt Arancioni di sabato scorso, ma comunque tante – che in attesa che Salvini, Meloni e Tajani srotolino il tricolore per via del Corso, chiedono di fare selfie con i politici.

Manifestazione Centrodestra a Roma, ecco gli assembramenti

Eppure sia Meloni che Salvini avevano chiesto alle persone di non scendere in piazza in questa occasione, perché le norme sul distanziamento social sono ancora valide. Ma la curiosità, evidentemente, era troppa e il richiamo è stato più forte degli appelli. Ed ecco che vediamo persone chiedere alla leader di Fratelli d’Italia di farsi un selfie, con alcuni di loro che – per essere riconoscibili – si calano la mascherina durante lo scatto.

Gruppi di curiosi e giornalisti

Stesso discorso vale per i giornalisti, anche loro accalcati per cercare un posto in prima fila per riprendere quel che sta accadendo tra piazza del Popolo e via del Corso. Insomma, una scena evitabile ma altamente prevedibile, come confermano le immagini che mostrano un piccolo cordone di persone ad accompagnare quel tricolore.

(foto di copertina: da diretta del Corriere della Sera)