Il consigliere leghista di Ferrara che mette ‘like’ a un post sui «forni» per Sergio Sylvestre

di Enzo Boldi | 22/06/2020

Luca Caprini
  • Luca Caprini si è giustificato dicendo di aver cliccato senza aver letto

  • Quel like a un post che parlava dei forni nazisti per Sergio Sylvestre non è passato inosservato

  • Lui è un poliziotto, sindacalista sap e consigliere comunale leghista a Ferrara

Scusate, non volevo. Anzi, non avevo letto bene. Sono queste, in sintesi, le giustificazioni fornite da Luca Caprini dopo le polemiche per quel ‘mi piace’ su Facebook a un post che auspicava i forni crematori nazisti per Sergio Sylvestre, reo di alcune indecisioni mentre cantava l’Inno di Mameli prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Juventus. Di professione non è solamente consigliere comunale di Ferrara (in quota Lega), ma anche agente della Polizia di Stato e sindacalista del Sap. Insomma, quel ‘like’ è stato sprovveduto, come ammette lui stesso dopo le polemiche.

LEGGI ANCHE > Sergio Sylvestre dice che Salvini dovrebbe informarsi su cosa significhi essere nero

A segnalare e a rendere pubblica questa vicenda è stata Ilaria Cucchi che, con un post sulla propria pagina Facebook, ha mostrato quanto accaduto nei giorni scorsi, compreso quel like di Luca Caprini.

Il messaggio è rivolto al capo della Polizia Franco Gabrielli e ha provocato tantissime reazioni, oltre a mostrare al mondo social quanto accaduto.

Luca Caprini, quel like e la giustificazione

«Chiunque mi conosca sa bene che non ho nessuna propensione o affinità con fascismo e nazismo – ha dichiarato Luca Caprini -. L’aver compiuto questo errore non è giustificabile, ne sono consapevole, ma a mia discolpa c’è la mia storia, al di là del fatto che abbia aderito alla Lega. Su questo volevo essere chiaro». Il consigliere comunale di Ferrara, infatti, sostiene di aver commesso una svista, cliccando ‘mi piace’ sul quel post social senza neanche leggere quanto scritto dall’utente che aveva postato queste parole: «Ma quel signore coi baffi che adoperava i forni non c’è più?».

Il riferimento, ovviamente, è a Hitler. Il tutto parlando del cantante Sergio Sylvestre e di quanto accaduto poco prima del fischio d’inizio della finale di Coppa Italia. Un pensiero a cui non andrebbe messo like, neanche per sbaglio.

(foto di copertina: da pagina Facebook di Ilaria Cucchi)

TAG: Ferrara