Dagli Stati Uniti: «In Italia circola ancora la Lira. La usa la Mafia per le sue operazioni»

di Enzo Boldi | 15/06/2019

  • In Italia sta ancora circolando la Lira

  • La denuncia della Guardia di Finanza

  • A utilizzarla è la mafia per i suoi traffici illeciti

La notizia riportata dal sito americano Bloomberg non è una novità, ma racconta dello sdoganamento fatto dalla criminalità organizzata nell’utilizzo di monete e banconote del vecchio conio per finanziare i propri traffici criminali. Secondo quanto raccontato dall’agenzia statunitense – che riporta il racconto di un militare della Guardia di Finanza italiana – la mafia usa ancora la Lira come valuta parallela all’euro per portare a termine e finanziare le proprie attività illegali. Già nel recente passato le Fiamme Gialle avevano trovato tantissime banconote del vecchio conio durante una perquisizione in un rifugio del clan dei Casalesi.

LEGGI ANCHE > Borghi parla di minibot come strumento per difendersi anche dagli attacchi hacker

«Continuiamo a scoprire grandi quantità di lire – ha detto il dirigente di lungo corso della Guardia di Finanza, Giuseppe Arbore, nella sua audizione in Parlamento -. La lira italiana costituisce, ancora, parte di transazioni illecite». Ed è un allarme non da poco e che non può essere sottovalutato soprattutto in un momento storico in cui si è iniziato a parlare – dopo l’indiscrezione lanciata a Porta a Porta da Matteo Salvini, prima della sua auto-smentita – di un’imposta sulle cassette di sicurezza per rimettere in circolo quei ‘soldi dormienti’.

La Lira negli scambi illeciti della Mafia

La pericolosità di questa situazione è stata spiegata dallo stesso Giuseppe Arbore: «Quando una banconota è accettata internamente da un’organizzazione, anche se è al di fuori della legge come valore legale, può regolare le transazioni. Stiamo ovviamente parlando di organizzazioni illegali». Ancora non è chiaro neanche alla Guardia di Finanza se e come le banconote della vecchia Lira siano scambiate in euro.

La denuncia delle Fiamme Gialle

Nel recente passato, però, la stessa Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia aveva denunciato sospetti di conversioni illecite di Lire in euro. Era il 2011 ed alcune transazioni avevano destato preoccupazione e, a quanto pare, dopo otto anni il pericolo è ancora molto altro. Se la Mafia avesse deciso – come probabile – di utilizzare una valuta parallela ci sarebbe un mondo ancora più oscuro e sommerso di quanto si possa credere.

(foto di copertina: ANSA/ GUARDIA FINANZA UFFICIO STAMPA)

TAG: Lira, Mafia