La raccolta fondi per aiutare la famiglia di Willy

L'Hotel Degli Amici, dove Willy lavorava, ha lanciato l'iniziativa

di Ilaria Roncone | 08/09/2020

Willy Fonteiro Duarte lavorava nell’Hotel Degli Amici come aiuto cuoco. Anche i suoi colleghi sono – come familiari e amici – scioccati per quanto accaduto e spendono solo belle parole per lui, che era parte di una grande famiglia anche sul posto di lavoro. Oltre a questo lo staff dell’hotel ha deciso di lanciare una raccolta fondi Willy a favore della famiglia vittima di questa terribile tragedia tramite la propria pagina Facebook.

 

LEGGI ANCHE >>> Colleferro, parlano i parenti di Mario Pincarelli: «Scritte tante sciocchezze su un bravo ragazzo»

La raccolta fondi Willy

I titolari dell’hotel dove lavorava apprezzavano Willy e il modo concreto che hanno trovato per aiutare la famiglia del giovane, che vive un momento terribile, è aprire una raccolta fondi. «Vorremmo aiutare in modo concreto la famiglia di Willy», si legge nel posto dedicato al cui testo è accompagnata una foto del giovane sorridente. «Stiamo in contatto con i Comuni locali e stiamo cercando di coinvolgere tutti gli organi di stampa ed i canali televisivi che ci stanno contattando in queste ore, per avviare una raccolta fondi destinata alla famiglia di Willy, alla quale ognuno di noi può partecipare per quello che può. Abbiamo chiesto l’IBAN che troverete di seguito alla famiglia, in questo modo qualsiasi aiuto arriverà a loro in maniera diretta. C/C Banco Posta intestato a: Armando Do Nascimento Monteiro IBAN: IT 33 V 0760 1148 000 000 7920 3147. Ringraziamo tutti coloro che vorranno contribuire», si legge nel post.

Willy lavorara nell’hotel da qualche mese

Seppure ci lavorasse solo da qualche mese, Willy aveva già conquistato il cuore dei suoi colleghi all’Hotel Degli Amici di Artena. Il giovanissimo ammazzato a caldi e pugni a Colleferro nella notte tra salvato e domenica faceva l’aiuto cuoco e sognava, un giorno, di arrivare a indossare la maglia della sua squadra del cuore, la Roma. Per il suo omicidio si trovano ora in carcere i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, tutti quanti dello stesso paese dove si trova l’hotel.