Colleferro, parlano i parenti di Mario Pincarelli: «Scritte tante sciocchezze su un bravo ragazzo»

Mentre i quattro ragazzi da Rebibbia raccontano una versione diversa dei fatti i parenti di Mario Pincarelli prendono le sue parti

di Ilaria Roncone | 08/09/2020

In queste ore emerge una versione dei fatti opposta a quella emersa dalle indagini. I quattro ragazzi di Colleferro hanno raccontato la loro storia, storia che non ha nulla a che vedere con quanto è stato detto finora. I quattro da Rebibbia hanno parlato del loro intervento in una rissa come pacieri, affermando di non aver mai colpito Willy e di non averlo visto nemmeno per terra. Intanto parlano i familiari dei quattro ragazzi, raggiunti a Colleferro dai giornalisti di varie testate, e stavolta tocca a quelli di Mario Pincarelli che non esitano a definirlo un «bravo ragazzo».

LEGGI ANCHE >>> I quattro ragazzi di Colleferro: «Non abbiamo ucciso noi Willy, abbiamo fatto da pacieri»

«Sono state scritte tutte sciocchezze»

Adnkronos riporta da Artena le parole dette da due parenti del 22enne Mario Pincarelli arrestato insieme agli altri tre accusati dell’omicidio di Willy Monteiro Duarte. «Sono state scritte tutte sciocchezze, Mario è un bravo ragazzo», hanno detto dall’altro lato del cancello di casa Pincarelli, solo per poi ammettere che un coinvolgimento ci sarebbe stato: «È morto un ragazzo  c’è poco da dire, ha fatto quello che ha fatto, lasciamo perdere queste situazioni».