La Casa di Carta e le altre serie tv con canzoni italiane iconiche

di Thomas Cardinali | 06/04/2020

serie tv e canzoni italiane

L’uscita della quarta parte de La Casa di Carta ha accompagnato alle vicende della banda del professore anche, per la quarta stagione consecutiva, iconiche canzoni italiane. Se tutti ormai abbiamo associato alla morte di Berlino “Bella Ciao” non potevano non aspettarci dal personaggio istrionico interpretato da Pedro Alonso un’esibizione canora in un flashback. Ecco che la canzone italiana torna protagonista alla grande con due dei nostri migliori rappresentanti di ogni epoca: Umberto Tozzi e Franco Battiato. Vediamo infatti i nostri protagonisti de La Casa di Carta cantare questa volta “Ti Amo” e “Centro di gravità permanente“.  Negli scorsi mesi abbiamo anche visto Gianni Morandi nel film da Oscar Parasite, ma oggi vogliamo rispondere ad una domanda: quali sono le altre serie tv che hanno riscoperto le canzoni italiane?

Serie tv e canzoni italiane, ecco quelle tornate celebri

the young pope serie tv e canzoni italiane
the young pope serie tv e canzoni italiane

Senza un perché di Nadia – The Young Pope

La prima serie tv che contiene una delle canzoni italiane più celebri da citare non può che essere The Young Pope, il capolavoro di Paolo Sorrentino co-prodotto da Rai e HBO. Una serie a tratti surreale con protagonista uno splendido Jude Law. Senza un perché di Nada dopo essere stato incluso nella quarta puntata della serie tv The Young Pope è schizzato sino al secondo posto nella classifica Itunes alle spalle del solo Vasco Rossi. Considerando che si tratta di un brano del 2004 non è affatto male il risultato raggiunto dopo 15 anni.

Voglio una pelle splendida degli Aferhours – The New Pope

Stagione nuova  e canzone nuova per Paolo Sorrentino. Nel suo The New Pope nel terzo episodio c’è una nuova versione di “Voglio una pelle splendida” degli Afterhours. La canzone del 1997 viene riproposta in una nuova versione, con la voce di Manuel Agnelli che accompagna le immagini della serie HBO in cui da questa seconda stagione al fianco di Jude Law c’è John Malkovich.

better call saul serie tv e canzoni italiane
better call saul serie tv e canzoni italiane

Se Bruciasse la città di Massimo Ranieri – Better Call Saul

In Better Call Saul, serie tv americana, ideata da Vince Gilligan e spin-off della pluri premiata Breaking Bad, risuona Se bruciasse la città di Massimo Ranieri. Non si tratta in realtà di tutta la canzone, ma di appena 7 secondi che possiamo ascoltare alla radio nel primissimo episodio. Un omaggio comunque internazionale ad uno dei nostri cantautori più amati di sempre.

Crapa Pelada del Quartetto Cedra – Breaking Bad

Vince Gilligan sembra amare particolarmente la musica del nostro paese. Nella sua serie tv capolavoro Breaking Bad ha infatti inserito una delle canzoni italiane dello storico Quartetto Cedra, si tratta di  Crapa Pelada cantata dal personaggio di  Gale Boetticher.

A far l’amore comincia tu di Raffaella Carrà – Doctor Who

Raffaella Carrà con A far l’amore comincia tu è diventata la regina delle discoteche. Un brano senza tempo che ancora oggi è assolutamente iconico. La nostra Raffaella nazionale ha anche varcato i confini del piccolo schermo visto che appare anche nel decimo episodio della quarta stagione di “Doctor Who” con “Do it do it Again”, la versione inglese proprio del suo brano più famoso. Si vede un frammento di video sui monitor di intrattenimento di un’astronave, anche in quel caso fu un successone.

Guarda come dondolo, Edoardo Vianello – Master of None

Master of None di Aziz Ansari vede tra le protagoniste la nostra Alessandra Mastronardi, che balla “Guarda come dondolo” del nostro Edoardo Vianello. Il brano è entrato addirittura nella top ten americana di quelli più ascoltati dopo il passaggio nello show televisivo.

fargo celentano serie tv e canzoni italiane
fargo celentano serie tv e canzoni italiane

Prisencolinensinainciusol di Adriano Celentano – Fargo

Questa può essere considerata una delle scene più riuscite di Fargo e la trovate nella terza stagione. Nella serie tv troviamo infatti una delle canzoni italiane più strambe mai realizzate. Il brano di Celentano è del 1972 è diventato famoso perché il cantante non parla in inglese, ma inventa parole senza alcun senso. La serie sembra amare molto l’Italia dato che il nostro Salvatore Esposito sarà tra i protagonisti della nuova stagione.

I capolavori italiani nel cinema, Scorsese e David Bowie

Abbiamo dedicato ampio spazio alle serie tv, ma non possiamo dedicare un paragrafo anche alle canzoni italiane diventate famose nel mondo grazie a capolavori della storia del cinema. Un italo americano come Martin Scorsese in un film che parla di mafia italo-americana come “Quei bravi ragazzi”  non poteva non inserire una delle nostre canzoni più belle ed ha scelto “Il Cielo in una Stanza” di Ornella Vanoni e Gino Paoli. Più recentemente nel suo “The Wolf of Wall Street” ha inserito “Gloria” di Umberto Tozzi. Vogliamo però dare una menzione d’onore all’indimenticato David Bowie:  il celeberrimo brano di Domenico Modugno “Nel blu dipinto di blu” è stato interpretato dal Duca Bianco nel film Absolute Beginners.