Jacob Blake, l’afroamericano disarmato colpito dagli spari della polizia, è paralizzato

Intanto, continuano le proteste in tutto il Wisconsin

di Marta Colombo | 26/08/2020

Jacob Blake

Gli avvocati della famiglia di Jacob Blake, il 29enne afroamericano disarmato colpito da sette spari nella schiena dalla polizia, hanno detto che ci vorrebbe un miracolo perché l’uomo possa a riprendere a camminare. Almeno uno dei proiettili, infatti, ha penetrato la spina dorsale.

La polizia ha sparato a Blake fuori dalla sua abitazione a Kenosha, una cittadina di circa 100mila abitanti nello stato del Wisconsin dove continuano le proteste contro la violenza ingiustificata della polizia verso gli afroamericani. Il governatore dello stato, per far fronte alle manifestazioni e agli scontri talvolta violenti con la polizia, ha chiesto i rinforzi della National Guard.

Al momento, Blake è paralizzato dalla vita in giù e i dottori non sanno e potrà mai riprendere l’uso delle gambe.

«Mio figlio sta lottando per la sua vita ma non sarebbe orgoglioso della violenza nelle strade», ha detto la madre Julia Jackson, la madre di Blake, durante una conferenza stampa. Diversi edifici e veicoli sono stati danneggiati nella cittadina sul lago Michigan in seguito all’incidente.

LEGGI ANCHE>Wisconsin: continuano le proteste dopo che la polizia ha sparato ad un afroamericano disarmato

Ecco cos’è successo dopo la sparatoria contro Jacob Blake

Nel video shock che hatto il giro del mondo, si vede un agente prendere Jake per la maglietta mentre sta per salire sulla sua macchina, dove sono seduti i suoi tre figli, e aprire il fuoco. Non è chiaro cosa sia successo prima del video, ma la polizia sembra essere stata chiamata sul luogo per un incidente domestico.

Gli agenti coinvolti nella sparatoria sono stati temporaneamente sospesi ma una petizione che chiede che vengano puniti ha già raccolto decine di migliaia di firme. Il dipartimento di giustizia del Wisconsin, intanto, ha aperto un’indagine sull’incidente.

«Chiunque sia bianco e che sta investigando la vicenda di un giovane uomo nero che è stato colpito dagli spari della polizia sette volte, sulla schiena, e che non ha ancora avuto nessuna reazione, non è il benvenuto», ha detto il padre di Jacob Blake, affermando che non ha alcune fiducia nell’indagine.