Iva Zanicchi dice che oggi le farebbero cantare «Prendi questa mano, rom»

iva zanicchi

Iva Zanicchi è stata intervistata e ha condiviso una serie di ricordi di gioventù e di idee sul mondo attuale, comprese le ragioni per cui è entrata in politica. Tra le frasi dette sicuramente da notare la reazione alla constatazione «Nel 1969 lei vinse con Zingara». La Zanicchi se ne è uscita con un allusivo «Oggi mi farebbero cantare “Prendi questa mano, rom…”». Le ragioni per cui Iva Zanicchi è entrata in politica? Ce n’è una, suo padre.

LEGGI ANCHE >>> Iva Zanicchi vorrebbe mandare a f*****o Carola Rackete

Iva Zanicchi: «Ho fatto politica per vendicare mio padre»

La ragione per cui Iva Zanicchi si è data alla politica è una sola, vendicare il padre. «Si candidò per il Psdi: prese un solo voto, il suo. Neanche quello della moglie. Lui la afferrò per il collo, furibondo. Lei rispose: “Non posso andare all’inferno per colpa tua!”. Il parroco le aveva prospettato le fiamme eterne se avesse votato, non dico comunista, ma socialdemocratico». Ha parlato anche di Silvio Berlusconi, ricordando il loro primo incontro e di come ne sia rimasta affascinata. «Mi avevano offerto un sacco di soldi per condurre una trasmissione. Rifiutai. Mi invitò a casa sua. Andai in bicicletta — abitavo già qui a Lesmo, vicino ad Arcore —, decisa a chiedere il triplo. Mi portò in un teatrino con il pianoforte. Pensai: ora mi tocca cantare. Cantò lui, per un’ora. Mi affascinò. Parevo Fracchia. Firmai alla cifra che mi avevano proposto»

Su Salvini ,Bonaccini e Borgonzoni

Visto il clima preelettorale in cui viviamo in questo periodo non sono mancate le domande su Salvini, Bonaccini e Borgonzoni. Cosa pensa Iva Zanicchi di Matteo Salvini? «Tutti lo accusano di essere un fannullone. Ma io me lo ricordo a Strasburgo: votava al mattino, andava a fare un comizio in Lombardia, e il mattino dopo era di nuovo lì». E all’osservazione su quanto, in realtà, sia un noto assenteista la Zanicchi ribatte parlando di Salvini come padre: «È una persona di cuore. Molto affettuoso con i figli: li portava pure al Parlamento europeo, ce li mostrava orgoglioso. Certo, a volte è un po’ eccessivo. Ma l’immigrazione va regolata». E sull’Emilia Romagna? Tutto sommato, nonostante si dica che diventerà di destra, per Iva Zanicchi la regione rimarrà di sinistra. Per chi voterebbe lei? «Io di sinistra non sono, ma guardo le persone. Ho visto in tv la Borgonzoni e non mi è piaciuta. Questo Bonaccini ha governato bene. Perché non riconfermarlo?».

Share this article