Italexit sì, Italexit no. La Lega dei cachi

di Enzo Boldi | 16/02/2020

Italexit
  • Il balletto della Lega sull'Italexit

  • Giorgetti e Salvini sembrano avere idee diametralmente opposte

  • E il leader di affida a un pescatore di Bagnara

La canzone di Elio e le Storie tese – La terra dei cachi – metteva in evidenza tutte le contraddizioni italiane che però, alla fine, portavano a un inevitabile senso di unità del Paese. Quel che non sembra accadere all’interno del Partito ‘più amato dagli italiani’ al momento, leggendo gli ultimi sondaggi: all’interno della Lega, infatti, sembrano vivere e convivere due anime con obiettivi e piani differenti per il futuro. C’è chi rassicura lo status quo di un’Italia sempre all’interno dell’Unione Europea – seppur chiedendo un cambiamento delle regole – e chi, invece, minaccia l’Italexit. Il primo è Giancarlo Giorgetti, il secondo è Matteo Salvini.

LEGGI ANCHE > Il Papa incontra il ministro dell’Interno: con Salvini non era mai successo

La Lega dei cachi. Perché se Giancarlo Giorgetti sembra essere il pacificatore di situazioni infuocate, Matteo Salvini sembra, invece, seguire gli hashtag di tendenza sui social per lanciare ‘minacce’ o rimodulare i suoi piani comunicativi per una campagna elettorale infinita. Ed ecco che nella giornata di sabato, in un appuntamento video-social sulla propria pagina Facebook, è stato proprio il segretario del Carroccio a parlare apertamente di Italexit.

Italexit, l’eterno balletto interno alla Lega

«Se l’Europa cambia o non ha più senso di esistere. Gli inglesi hanno dato dimostrazione che volere è potere – ha detto Matteo Salvini in diretta video-social da Parco Sempione (Milano) -. O si sta dentro cambiando le regole di questa Europa, oppure come mi ha detto un pescatore che ho incontrato a Bagnara, in Calabria, ragazzi allora facciamo gli inglesi». Insomma, il tormentone Italexit non resta nel cassetto come quando, a giorni alterni, viene ritirato fuori dall’altro leghista Claudio Borghi.

 

Giorgetti e Salvini contro

Perché se parla il segretario di partito, anche le parole del suo braccio destro non hanno molto più valore. E nei giorni scorsi era stato Giancarlo Giorgetti a smentire l’idea politica del Carroccio di dire addio alla moneta unica e all’Unione Europea. Parole che sembravano mettere la parola fine su questo balletto infinito che va avanti da anni all’interno della Lega. La tarantella, però, sembra andare avanti. O i piani del Carroccio sono fumosi, o c’è un braccio di ferro al vertice. Oppure si prende in giro l’elettorato.

(foto di copertina: da Facebook + Wikipedia)

TAG: Italexit