Uno sguardo sull’Islam e su come sta vivendo la quarantena da coronavirus

di Redazione | 07/04/2020

islam e coronavirus
  • Ecco come la comunità islamica in Italia sta affrontando il periodo del coronavirus

  • Le questioni aperte e le esigenze, con l'inizio del Ramadan il prossimo 23 aprile

  • Lo sguardo dall'interno grazie alla collaborazione di Daily Muslim

Per avere un completo sguardo d’insieme su come la nostra società stia affrontando questo periodo complesso della nostra storia e quali misure stia prendendo per superare l’emergenza coronavirus occorre comprendere anche come il mondo musulmano in Italia stia vivendo il lockdown del Paese. Occorre prendere in considerazione questo aspetto, soprattutto con l’approssimarsi del periodo del Ramadan 2020, che inizierà il prossimo 23 aprile, e soprattutto in virtù di quel legame a distanza della comunità islamica in Italia con i Paesi del mondo arabo che stanno vivendo all’interno dei propri confini l’emergenza coronavirus.

LEGGI ANCHE > La supplica di Arcuri su Pasqua e coronavirus: «Non dimenticate che si è già portato via 16.523 vite»

L’emergenza coronavirus e la comunità islamica in Italia

Per questo motivo, Giornalettismo ha deciso di dare voce alla comunità islamica italiana, attraverso il punto di vista di Daily Muslim, il giornale musulmano italiano che ha uno sguardo privilegiato sul tema. Nel mese di aprile verranno affrontate diverse tematiche, come quella del modo di vivere la spiritualità in questo momento in cui la routine risulta alterata dalla quarantena e dall’isolamento, quando invece ci sarebbe un bisogno maggiore dell’idea di comunità.

Ma ci saranno anche altre curiosità che affronteremo in questo processo di collaborazione: si pensi, appunto, all’imminente inizio del Ramadan, per capire cosa cambierà in questo momento in cui il coronavirus ha reso sempre più difficile lo svolgimento delle cerimonie religiose (anche ai riti cristiani della Pasqua saranno trasmessi solo in diretta streaming dall’interno delle mura del Vaticano), ma anche al modo in cui – ad esempio in Marocco o in Tunisia – si sta vivendo l’esperienza dell’epidemia. Uno sguardo al proprio Paese e uno sguardo ai propri cari che sono in giro per il mondo.

Il coronavirus sta incidendo anche sui pellegrinaggi, che nei prossimi giorni saranno completamente stravolti dalle regole del distanziamento sociale o dalle limitazioni negli spostamenti e ha un effetto molto forte anche sull’economia halal, che presenta tante caratteristiche sulle quali sarebbe utile, anche da parte delle istituzioni italiane, aprire dei dibattiti.

Una collaborazione molto interessante, che punta all’approfondimento. È il nostro modo di dare informazione a 360°, cercando di non sottovalutare nessuna sfumatura del problema coronavirus in Italia.