Instagram potrebbe rimuovere la funzione dei “like”

di Gaia Mellone | 20/04/2019

  • La funzione nascosta scovata da Jane Wong

  • Implementata ma non ancora testata, la nuova funzione di Instagram nasconderebbe al pubblico il numero di likes

  • Una misura che vorrebbe ridurre lo stress da accettazione che affligge sopratutto i ragazzi più giovani sul social

Cosa sarebbe Instagram senza i cuoricini? Potremmo scoprirlo presto: Jane Wong, analista tech diventata famosa proprio per scoprire le funzionalità nascoste dei social network, ha trovato la funzione che sarebbe già implementata sulla piattaforma.

LEGGI ANCHE > Facebook riuscirà ad individuare autonomamente il revenge porn

Instagram potrebbe rimuovere la funzione dei “like”

Un portavoce di Instagram, interpellato dalla rivista tech The Verge, ha ammesso l’esistenza di questa funzione. «In questo momento non la stiamo testando, ma studiamo sempre metodi che possano ridurre la pressione su Instagram» ha dichiarato. La cancellazione dei likes infatti rientrerebbe in una sorta di educazione del pubblico al social network, per trasformarlo in un luogo dove concentrarsi sui contenuti da pubblicare più che sulla reazione dei follower. Un modo per privilegiare la qualità sulla popolarità, e venire incontro al sempre crescente stress da social network che affligge sopratutto i più giovani. Il bottone dei like, che siano un pollice all’insù o un cuoricino, è diventato fonte di stress costante, sintomo di un desiderio di accettazione costantemente inappagato. I likes, ormai diventati strumento di pressione sociale sopratutto sul social di Instagram – che secondo recenti studi sarebbe il più influente sotto questo aspetto- non sparirebbero però del tutto: rimarrebbero visibili solo all’autore del contenuto, che potrà quindi avere un feedback dai suoi follower ma non generare un metro di paragone. Per ora è solo una possibilità, testimone però che anche dall’altro lato del social c’è qualcuno che ci tiene a venire incontro alle esigenze del proprio pubblico.

(credits immagine di copertina: Pixabay License)