Lutto per Joseph Ratzinger

di Redazione | 01/07/2020

Georg Ratzinger

Georg Ratzinger, il fratello del papa emerito Benedetto XVI, è morto questa mattina a Regensburg. L’uomo, fratello maggiore di Joseph Ratzinger, era malato da diverso tempo e il papa emerito, tra il 18 e il 22 giugno scorso, aveva fatto un viaggio in Baviera proprio per dargli l’ultimo saluto. La visita di papa Ratzinger in Germania, nonostante le sue condizioni di salute molto fragili, era stata inaspettata.

LEGGI ANCHE > I media vaticani hanno dato poco spazio alla lettera di Ratzinger sulla pedofilia

Georg Ratzinger è morto

Adesso, il 1° luglio, con la notizia del monsignore di 97 anni, è stato molto più chiaro il significato di quella visita in Baviera. Georg Ratzinger era famoso per aver diretto il coro maschile di voci bianche del duomo di Ratisbona, il Regensburger Domspatzen. Un ruolo che non gli aveva impedito di incorrere in alcuni problemi, come le indagini che in passato erano state effettuate anche su di lui per alcuni presunti episodi di violenza subiti dagli stessi ragazzi del coro.

Georg Ratzinger, il rapporto con Benedetto XVI

Al tempo dell’inchiesta indipendente effettuata dalla diocesi, Georg Ratzinger si era difeso affermando la sua estraneità ai fatti e la mancata comprensione dei problemi che erano stati denunciati dai cantori: «Non avevo capito – aveva affermato – che c’erano abusi di carattere sessuale». Precedentemente, sempre Georg Ratzinger – direttore del coro tra il 1964 e il 1994 – si era scusato per aver assestato degli schiaffi ai cantori che dirigeva.

Tra Joseph Ratzinger e il fratello maggiore il rapporto è stato sempre solido, anche in passato. Per diverso tempo, Georg Ratzinger aveva vissuto in Vaticano, accanto al papa in carica, diventato emerito nel 2013. Da quel momento era stato sempre Georg ad andare a trovare Benedetto XVI nella sua dimora in Vaticano: soltanto due settimane fa, con il primo viaggio fuori dai confini italiani, Joseph Ratzinger aveva fatto visita al suo fratello maggiore in Baviera.