La Francia accusa l’Italia di «aver preso misure che non hanno arginato l’epidemia». Mentre a Parigi accadeva questo

di Enzo Boldi | 12/03/2020

Francia accusa Italia
  • Il paradosso della Francia accusa Italia per le misure sul coronavirus

  • Le parole della portavoce del governo, mentre a Parigi in migliaia in strada a festeggiare

  • E nei giorni scorsi anche il grande "raduno" dei Puffi

La Francia prova a impartire una lezione sui comportamenti all’Italia, sbagliando completamente mira dato che, a Parigi e dintorni, i cittadini transalpini continuano a riunirsi per festeggiamenti tra travestimenti da Puffo e celebrazioni delle imprese calcistiche in Champions League. Sono paradossali le parole pronunciate dalla portavoce del governo Macron, Sibeth Ndiaye, in conferenza stampa, con la Francia che accusa il nostro Paese di aver adottato provvedimenti che non hanno contenuto la diffusione del Covid-19.

LEGGI ANCHE > La limitazione della circolazione per «motivi di Sanità e sicurezza» è prevista dalla Costituzione

L’Italia «ha preso delle misure che non hanno permesso di arginare l’epidemia» ha detto la portavoce del governo francese in conferenza stampa, sottolineando invece come la Francia abbia agito per tempo con misure che hanno contenuto il numero di contagi da Coronavirus. La realtà, però, sta nei tristi numeri (perché ogni vittima resta un essere umano e non una bandierina): l’ultimo bollettino parla di 2281 casi di positività al Covid-19 e 48 morti. Un trend in aumento negli ultimi giorni anche a Parigi e dintorni.

Francia accusa Italia per i provvedimenti sul Covid-19

L’Italia è stato il primo Paese dell’Unione Europea (e al mondo) a chiudere ai voli dalla Cina e anche a prendere misure draconiane come la limitazione della circolazione e la chiusura delle attività commerciali. In Francia, invece, ancora ieri si vedevano immagini di questo tipo.

La lezioncina di francese non necessaria

E se non bastassero le immagini che sono arrivate mercoledì sera dalle strade di Parigi per celebrare il passaggio del turno del PSG (che ha superato in rimonta il Borussia Dortmund al Parco dei Principi, a porte chiuse), ricordiamo che in un piccolo centro al Nord della Francia, nei giorni scorsi, circa 3500 persone si sono riunite per battere il guinness dei primati di persone vestite da puffo. Insomma, Francia accusa Italia è una lezioncina che i nostri vicini non possono permettersi.

(foto di copertina: da profilo Twitter di Lia Capizzi)